Basket Maschile

CJ Taranto, il supporto di Fondazione Taranto25

L’associazione degli imprenditori tarantini che fanno rete ha sposato da un anno il progetto del CJ Taranto. Il presidente Tagarelli: “Un’eccellenza che va oltre lo sport”

31.10.2020 15:07

Un amore a prima vista. Il logo di Fondazione Taranto25 campeggia sulle divise e sui banner del CJ Basket Taranto da oltre un anno, ancor prima che l’associazione si fosse presentata ufficialmente alla città, la scorsa estate, addirittura ancor prima della sua vera e propria costituzione, a gennaio. Un legame forte tra chi ha creduto reciprocamente nell’altro, per chi da una parte ha sposato i progetti sportivi del sodalizio rossoblu, e chi dall’altra ha creduto sin da subito nella capacità di far rete da parte del mondo imprenditoriale e professionale tarantino. 

Nonostante il lockdown, “la Fondazione Taranto25 conta oggi una quarantina di importanti imprese e prestigiosi studi professionali di Taranto che si sono uniti per “fare qualcosa” concretamente per la comunità in cui operano e vivono con le loro famiglie”. Un aspetto sottolineato con orgoglio dal presidente del Consiglio direttivo, Fabio Tagarelli, coadiuvato dal vicepresidente Ennio Barnaba e dal segretario Pierfilippo Marcoleoni e che vede tra i soci una vera e propria “istituzione” della tarantinità come l’Orchestra della Magna Grecia.

“Ci siamo a lungo chiesti se questa città fosse capace di fare rete a livello di imprese e di aziende – continua Tagarelli – e la risposta deve essere necessariamente sì. Nessuno può e deve coltivare solamente il suo ambito e pensare a se stesso, ancor più in questo momento. Abbiamo individuato nella cultura e nello sport i nostri primi settori di intervento mettendo a disposizione le nostre risorse delle grandi e piccole realtà tarantine, partendo dal CJ Taranto per arrivare ad un numero, speriamo sempre maggiore, di altre società. Lo sport volano per la rinascita sociale di questa città, non è retorica – continua Tagarelli – ma ci tengo a precisare che non si tratta di semplici sponsorizzazioni, quanto di vere e proprie partnership, nell’ambito delle quali si creano sinergie positive tra queste società e i loro associati”.

Quanto al rapporto con il CJ Basket Taranto, nel dettaglio, il presidente Tagarelli, già vicino ai colori rossoblu con il marchio Aviva, ammette: “Con il ‘collega’ Cosenza e tutti gli altri dirigenti c’è un rapporto particolare che abbiamo coltivato insieme dalla prima ora, si potrebbe dire, della nostra nascita come idea di associazione. Crediamo davvero che il progetto del CJ sia qualcosa di veramente innovativo a livello sportivo e manageriale, stiamo parlando di una società seria che è sul territorio da anni con risultati importanti. Ci spiace non essere vicini alla squadra come vorremmo, anche agli allenamenti magari, ma speriamo non mancherà occasione. Il roster che hanno messo su è fortissimo”. 

Poi Tagarelli svela un sogno: “Il presidente della Dinamo Sassari, Stefano Sardara, è un mio amico. Recentemente sono stato a vedere una loro partita di A con Roma e gli ho detto che mi immagino un giorno, speriamo tra qualche anno, di poterlo sfidare nella massima serie con il CJ Taranto, è un sogno che mai come adesso può diventare realtà…”

 

Commenti

L’ottimismo del virologo Silvestri: «Se faremo un lockdown ce ne pentiremo. Gli anticorpi stanno arrivando»
Mercato: Tris di arrivi per la Puteolana