Calcio a 5 Femminile

"Solo la parola 'Taranto' deve incutere timore alle avversarie"

Il direttore sportivo della Corim Città di Taranto Ciccio Solito invoca il pubblico delle grandi occasioni domenica al Palafiom per il ritorno del play-out contro Reggio: "Continuiamo nel nostro sogno"

08.05.2018 23:59

L'1-0 di Reggio Calabria mette leggermente in discesa il discorso salvezza per la Corim Città di Taranto, ma in casa rossoblu guai a considerarsi favoriti. Contro la Futsal Reggio, domenica alle 15.45, sarà gara di ritorno del play-out per la permanenza in serie A2, con le ioniche pronte all'impresa.

"Siamo giunti all'ultima partita, la più importante della storia del Città di Taranto - commenta il direttore sportivo ionico Ciccio Solito - abbiamo sognato questa serie A per tanto tempo e quest'anno l'abbiamo disputata, togliendoci anche diverse soddisfazioni, vincendo anche fuori casa con una squadra giovanissima ma appassionata e attaccata ai nostri colori. La vittoria di domenica ci ha dato un'ulteriore carica perché tutti abbiamo lo stesso obiettivo, conquistare la permanenza in categoria. Non guarderemo neanche al risultato dell'andata, non ci interessa avere due risultati su tre, noi vogliamo vincere. Reggio di sicuro la pensa nella stessa maniera, ma troverà di fronte la bolgia del Palafiom".

"Solo la parola "Taranto" deve mettere paura agli avversari - continua il dirigente tarantino - e per domenica faccio un appello a tutti i tifosi a venire al palazzetto per incitare la squadra. Siamo riusciti a far diventare tarantine nel sangue anche chi non è nato qui, proprio perché tutte sanno quanto amiamo questa squadra e questa città. Le ragazze meritano il massimo sostegno".

"Restare in serie A sarebbe il giusto premio per tutti noi: ringrazio coach Vito Liotino, un vero fratello, il presidente Gianni Marsico che ci sta facendo vivere questo sogno e tutto lo staff societario e tecnico: il passo verso la storia è breve e noi siamo pronti a compierlo tutti insieme".

 

Commenti

Lizzano, ascolta Motolese: "Prenderemo due-tre giovani che possono fare la differenza"
Grottaglie: il DG tira le somme