Taranto F.c. News

Casarano – Taranto: 0-1. Genchi gol e vittoria storica degli ionici

Decide nel primo tempo una rete del centravanti rossoblu che poi incassa l'esplusione

08.09.2019 18:22

A cura di Enrico Losito

 

Una rete di Genchi nel primo tempo regala tre punti di platino agli ionici che conquistano una vittoria storica allo stadio “Capozza” di Casarano, mai violato prima dal Taranto. Una gara di sofferenza e sacrificio per i ragazzi di Ragno che hanno patito dal 33’ della prima frazione l’espulsione dello stesso Genchi vittime del nervosismo e di un ingenuo fallo di reazione su D’Aiello uno degli ex del confronto. Da parte sua il Casarano non ha demeritato confezionando un paio di palle gol e colpendo in due circostanze i legni della porta di Giappone ma ai salentini è mancato un pizzico di fortuna.

 

Cronaca. Mister Ragno cambia modulo passando dal 4-4-2 al 3-5-2: Giappone in porta; linea difensiva con De Caro, Manzo Luigi, Allegrini; a centrocampo Guaita e Ferrara sugli esterni mentre Matute e Cuccurullo agiscono nel ruolo d’interni con Galdean in regia; in attacco la coppia Genchi – Favetta. Dall’altra parte il Casarano di De Candia utilizza l’assetto tattico 3-4-3: in avanti il tridente composto da Tiscione, Balla e Mincica.

 

Dopo le prime fase di studio è il Taranto a rendersi pericoloso: Favetta con un tiro a giro impegna il portiere Guarnieri, sulla respinta Matute arpiona la sfera e in rovesciata la mette sul secondo palo, dove Guaita colpisce di testa spedendo al lato. Al 13’ la risposta del Casarano: rasoterra da fuori area di Mattera, Giappone blocca senza difficoltà. Al 19’ il Taranto passa in vantaggio: Favetta caparbiamente difende palla al limite dell’area e serve Genchi che con uno splendido mancino a giro indovina l’incrocio per lo 0-1. Gli ionici insistono: Galdean recupera una palla vagante ai limiti dell’area avversaria e ispira il sinistro di Genchi dal limite ma sfera termina sul fondo. Al 35’ punizione di Tiscione, intervento difettoso di Giappone con il pallone che si stampa sulla traversa. Al 36’ Ferrara viene atterrato da Mattera in area salentina ma l’arbitro ammonisce il tarantino per simulazione. Si accendono gli animi in campo, al 34’ Genchi incassa due cartellini gialli in pochi secondi: il primo per proteste e il secondo commettendo un fallo di reazione su D’Aiello. Il rosso per l’attaccante tarantino lascia i rossoblu in dieci uomini. Al 42’ Casarano pericoloso: Tiscione lancia Mincica, il cui destro costringe Giappone alla parata in due tempi. Il primo tempo termina con il vantaggio degli ospiti.

 

In apertura di ripresa Taranto insidioso: Galdean crossa per il colpo di testa di Favetta, Guarnieri si rifugia in corner. Al 4’ primo cambio del match: nel Taranto Marino prende il posto di Cuccurullo. Al 7’ De Caro entra in contatto con Tiscione, il direttore di gara assegna inizialmente il rigore in favore dei padroni di casa ma su segnalazione del guardalinee decreta la punizione in favore dei rossoblu per il fuorigioco di Tiscione. Al 11’ ci prova il casarenese Buffa dai venticinque metri: palla sul fondo. Al 12’ secondo cambio per il Taranto: Stefano Manzo avvicenda Galdean. Al 15’ doppia sostituzione per il Casarano: Lobjanidze e Cianci cedono il posto rispettivamente a Santagata e  Ielo. Al 18’ punizione di Favetta, Guarnieri in tuffo manda in angolo. Al 20’ il Casarano colpisce il palo con la staffilata dai 30 metri di Morleo. Al 27’ cambi per entrambe le squadre: nel Casarano  Olcese al posto di Balla; nel Taranto Croce per Favetta. Al 31’ proprio il neo entrato Olcese gira di testa un cross proveniente dalla destra, sfera sul fondo. Al 34’ nuova sostituzione per il Taranto: Benvenga avvicenda Matute. Al 38’ sostituzione per i salentini: Palmisano prende il posto di Morleo; mentre nel Taranto Riccio sostituisce Ferrara. Il Casarano ancora insidioso: al 40’, sugli sviluppi di un corner, colpo di testa di Palmisano con palla al lato. Inutili i sei minuti di recupero concessi dall’arbitro per gli assalti finali del Casarano, finisce con la vittoria del Taranto.

 

 

CASARANO (3-4-3): Guarnieri; D’Aiello, Lobjanidze (15’ s.t Santagata), Mattera; Buffa, Cianci (15’ s.t. Ielo), Giacomarro, Morleo (38’ s.t. Palmisano); Tiscione, Balla (27’ s.t. Olcese), Mincica. A disposizione: Morabito, Versienti, Rescio, Feola, Nicola Russo. All. De Candia

 

TARANTO (3-5-2): Giappone; De Caro, Manzo Luigi, Allegrini; Guaita, Matute (34’ s.t. Benvenga), Galdean (12’ s.t. Stefano Manzo), Cuccurullo (4’ s.t. Marino), Ferrara (38’ s.t. Riccio); Genchi, Favetta (27’ s.t. Croce). A disposizione: Sposito, Oggiano, D’Agostino. All. Ragno

 

Marcatori: 18’ p.t. Genchi (T)

 

Arbitro: Andrea Ancora di Roma 1

 

Angoli: 6-5

 

Ammoniti: Balla, Lobojanidze, Mattera, Giacomarro per il Casarano; Ferrara, Genchi, De Caro, Giappone, Stefano Manzo per il Taranto

 

Espulso: 33’ p.t. Genchi (T)

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

Campionati Italiani di Paracanoa, il tarantino Daniele Nasole grande protagonista
La Pugilistica Merico torna sul ring: venerdì 13 settembre grande serata di boxe a Pulsano