Ippica

Bella sfida per i tre anni

TARANTO – IPPODROMO PAOLO VI Presentazione di domenica 16 luglio 2017

15.07.2017 08:07

Nuovo appuntamento con il trotto all’ippodromo Paolo VI, domenica 16 luglio alle ore 18.15, con un programma composto da otto corse tra le quali la “II Tris”, che aprirà la riunione, ed una prova per cavalli di tre anni di buona caratura, in programma alla settima corsa.

Partiamo dal clou, che vedrà al via dieci concorrenti sulla distanza del miglio, dopo il ritiro di Vela Di Ruggi. Match probabile tra Va’ Pensiero Gar e Very Strog Par, che hanno ottenuto ottimi risultati anche in contesti più impegnativi. Inoltre gli allievi di Vincenzo Villani e Gaetano Di Nardo saranno agevolati dalla partenza in prima fila.

Un’agevolazione che non avranno sia Velasquez Lux, con Teo Scialpi in sediolo, sia Valbondione Luis, affidato a Ferdinando Minopoli, costretti ad agire in tattica d’attesa, ma supportati da validissima condizione atletica, come dimostrano le due belle prestazione sulla media distanza.

Una possibile sorpresa può essere Vipera Killer Gar, interpretata da Marco De Vivo, che non è seconda a nessuno per quanto concerne la qualità, ma che rientra dopo tre mesi, pertanto la sua condizione fisica è tutta da scoprire.

Per quel che concerne la II Tris considerando le ultime performance i favori del pronostico spettano ad Ute Di Meletro ed Ute Del Ronco, rispettivamente interpretati da Gaetano Di Nardo e Gennaro Amitrano. Ute Di Meletro è reduce da un secondo posto a media di rilievo, ma con tante recriminazioni a causa di uno svolgimenti tattico in salita subendo attacchi severi nella prima parte di gara. Ute Del Ronco, invece, ha fallito all’ultima uscita, ma in precedenza ha dimostrato di essere un soggetto in grado di esprimersi su buoni livelli, ed anche su qualsiasi distanza possedendo mezzi interessanti per questa categoria.

Il terzo nome è quello di Ulrike Grif, guidata da Romano Tamburrano, che ha centrato il successo in occasione della sua ultima corsa disputata. Solitamente tende ad andare al comando e scatenarsi nel corso del primo giro, prima di accusare la fatica e peggiorare di meccanica negli ultimi metri, costringendo il proprio interprete ad accontentarsi. L’ultima volta, però, agendo in tattica di rimessa, è sembrata più gestibile, tanto da restare lungo la corda per tutto il primo giro e sferrare l’attacco vincente ai 600 finali riuscendo a presentarsi fresca in retta d’arrivo difendendosi dai rivali.

I NOSTRI FAVORITI: prima 2-9-3, seconda 6-3-4, terza 4-2-6, quarta 6-7-13, quinta 3-4-7, sesta 3-4-2, settima 3-4-9, ottava 8-5-3.

Omar Tufano

 

Commenti

Arriva Caronte: imprenditore tarantino della rete Made in Taranto scopre la formula del benessere e offre check up gratuiti ai tarantini
Vice sindaco e assessore Martina Franca incontrano Daniele Bonanni, il ristoratore di Amatrice