Serie D - gir. H

Mercato: Un ex Taranto, un centrocampista e una conferma per il Molfetta

28.07.2020 22:36

​​​​​​

Un acquisto per reparto, tre acquisti che innalzano la qualità della rosa e il numero di scelte a disposizione di mister Bartoli per la stagione ’20-’21. 

Sono ufficiali, infatti, gli acquisti del difensore D’Angelo e del centrocampista Capriati e la riconferma di bomber Triggiani. 
Francesco D’Angelo, difensore centrale classe ’90, originario della provincia di Cosenza, è reduce da una buona stagione disputata tra le fila del Gravina, con cui ha disputato 20 presenze, e da ben dodici stagioni consecutive tra serie C e D con le maglie, solo per citarne alcune, di Bitonto, Taranto, Foggia, Manfredonia, Potenza, Matera e Monopoli. Più di 220 partite per lui in queste categorie a soli 30 anni compiuti solo qualche mese fa. 

Antonio Caprioli, centrocampista lucano classe ’92, è reduce invece da una positiva stagione tra le fila del Lavello (di cui era anche vicecapitano) con cui ha vinto il campionato d’Eccellenza Lucana siglando 4 reti in 25 presenze. Mancino, in grado di giocare sia come regista che come mezz’ala di centrocampo, Caprioli ha giocato in carriera anche tra le fila di Bisceglie, Melfi, Termoli (solo per citare alcune esperienze) e può adattarsi indifferentemente ad un centrocampo a 3, a 4 o a 5. 

Conferma, infine, per Matteo Triggiani dopo la buona stagione scorsa in cui, specialmente nella prima parte di stagione, si è reso protagonista segnando anche diverse reti: ben 10 i goal messi a segno nelle prime 9 partite disputate in stagione; poi un infortunio e l’esplosione di Ventura ne hanno interrotto lo score senza, però, inficiare sulla sua utilità per la squadra. Matteo, infatti, si è saputo disimpegnare nel ruolo di prima o seconda punta, a seconda del compagno di reparto che ha avuto al fianco, ma anche come trequartista centrale o mezzala. Una duttilità di certo apprezzata da mister Bartoli e dal suo staff. 

 

Commenti

Jasnagora-Marta Vaquero, fumata bianca in arrivo?
Mercato: La Gelbison blinda una sua bandiera