1a Categoria

Prima Categoria: Castellaneta – Sava, big match decisivo?

a cura di Fabrizio Izzo

29.03.2019 18:56

Immagine ZaccagniDomenica pomeriggio il De Bellis di Castellaneta sarà il palcoscenico del big match della ventisettesima giornata tra i padroni di casa e il Sava, derby tra biancorossi ma soprattutto tra la prima in classifica e l’immediata inseguitrice. Una partita importantissima che potrebbe assumere carattere quasi decisivo in funzione del risultato della concomitante gara tra il Capurso, quarto, e il Grottaglie, primo. Le aspettative per la gara di domenica sono di un incontro altamente equilibrato e difficilmente pronosticabile, le due squadre hanno organici e numeri che garantiscono spettacolo sicuramente poco appartenente alla categoria. Il Castellaneta ha l’obbligo di vincere per proseguire la corsa verso il titolo e non perdere terreno nei confronti della gemella capolista Grottaglie, il Sava ha meno pressioni da questo punto di vista ma non può sbagliare partita perchè ha la necessità di mantenere più lontano possibile il Capurso per non farlo rientrare nella griglia Play-Off. Insomma, nonostante gli obiettivi possano sembrare di diverso peso, alla base c’è la necessità per entrambe le compagini di non perdere punti e mantenere le posizioni, una condizione che solo la vittoria può garantire. Il Castellaneta vincendo manterrebbe la testa della classifica e un contemporaneo passo falso del Grottaglie a Capurso la farebbe diventare capolista in solitario, in più rilegherebbe il Sava a meno 9 escludendolo definitivamente da un eventuale lotta al campionato. Il Sava vincendo accorcerebbe a 3 punti la differenza in classifica dai valentiniani e manterrebbe il Capurso a meno 11, anche se i baresi dovessero vincere contro il Grottaglie (da considerare che la sconfitta del Grottaglie porterebbe il Sava a meno 3 anche dai biancoazzurri). Il risultato di parità praticamente non servirebbe a nessuna delle due. Vediamo i numeri di questa sfida: il Castellaneta si presenta con 22 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte, 81 reti segnate e 26 subite, un attacco infallibile andato a segno in ogni partita, mai a secco, e una difesa che qualche goal lo subisce quasi sempre, sono solo 9 le gare con la porta illibata. Il Sava arriva al De Bellis con 19 vittorie (ultime 10 consecutive), 2 sconfitte e 5 pareggi, 66 reti segnate e 20 subite, un attacco molto temibile e prolifico rimasto all’asciutto solo in due occasioni (Locorotondo e Massafra), una difesa ben registrata, la seconda del campionato dopo il Grottaglie, che per 11 volte ha mantenuto la propria porta inviolata. È sfida anche tra i due bomber delle squadre, Gjonaj (35) del Castellaneta, capocannoniere del girone, e Vasco (27) del Sava, terzo nella speciale graduatoria. Il Castellaneta dovrà fare a meno di Greco, appiedato dal Giudice sportivo, mentre nessun squalificato per il Sava. Il Sig. Riccardo Tropiano, della sezione di Bari, sarà l’arbitro dell’incontro, un direttore di gara con 20 presenze all’attivo in questa stagione di cui 17 in Promozione, 1 in Eccellenza (Alto Salento – Mesagne) e 2 in Prima categoria (Veglie – Matino ed Erchie – Grottaglie). Queste le parole dei due allenatori.

Mister D’Alena (Castellaneta): “Credo che il Sava, sulla carta, sia l’ultimo ostacolo difficile da superare, però è anche vero che nel calcio non si può mai dire, bisogna vincerle sul campo le partite. Del Sava temo la loro condizione di benessere mentale, hanno la mente sgombra e non hanno bisogno di fare calcoli. Penso che per il Sava qualsiasi risultato consegua non cambi molto. Pur vincendo accorcerebbero da noi ma ci sarebbe poco tempo per recuperare, in funzione campionato, e noi, in ogni modo, dovremmo perdere punti. Se dovessero perdere e il Capurso vincere comunque lo manterrebbero a meno 8. Io credo che il loro principale obiettivo sia quello di mantenere il Capurso a distanza. Loro non hanno la stessa pressione che abbiamo noi, il Castellaneta deve vincere per forza loro si giocheranno la gara con spensieratezza. Per vincere dobbiamo fare il Castellaneta, dobbiamo essere quella squadra brillante che tutti, compreso il Sava, hanno apprezzato in questo campionato. Se il Castellaneta gioca da Castellaneta possiamo portare a casa il risultato se abbassiamo i ritmi e manchiamo di brillantezza il Sava può metterci in seria difficoltà. Dobbiamo mantenere la nostra migliore caratteristica, la rapidità di esecuzione. Se giochiamo come sappiamo fare possiamo raggiungere lo scopo. Il Sava è una squadra che gioca al calcio e ti fa giocare al calcio, anche la partita di andata fu bella e corretta. Io sono fiducioso.”

Mister Mazza (Sava): “La settimana lavorativa è andata benissimo, stiamo preparando questo big match nel migliore dei modi, ci teniamo tantissimo. Vogliamo dimostrare, per orgoglio, che non siamo la terza forza del campionato come dice la classifica. Tra i ragazzi c’è la giusta tensione, certamente per come stanno andando Grottaglie e Castellaneta non possiamo dire di ambire al primo posto però mancano quattro partite e possiamo accorciare le distanze. La partita contro il Castellaneta, da un punto di vista della classifica, per noi conta poco, vogliamo evitare la semifinale contro il Capurso che sarà nostro avversario al Camassa nell’ultima di campionato. Dal punto di vista dell’orgoglio conta tantissimo, vogliamo dimostrare che il periodo nero di novembre è stato solo un caso e che i sei punti di differenza non ci sono. Noi possiamo vincere a Castellaneta arginando i loro punti di forza cercando di esaltare i nostri.”

Commenti

Real Pulsano: Sconfitta con il Real Sava. Novellino, 'Fatta una bruttissima gara'
Basket | C Gold - Castellaneta, che spreco! Taranto manca il guizzo