Ippica

TEODORO E’ NETTAMENTE IL MIGLIORE

19.07.2018 00:43

La corsa principale della serata di lunedì 16 luglio era un miglio per cavalli di categoria B/C/D nel quale i favori del pronostico erano tutti per Teodoro, un figlio di Exploit Caf interpretato da Vincenzo D’Alessandro Jr.

In pista non c’era storia, con Teodoro che sfilava al comando dopo 600 metri su Tower Di Poggio e proseguiva indisturbato fino al traguardo completando il tutto a media di 1.12.6. Alle sue spalle giungeva Tornado Del Vento davanti a Sevan Best.

Vincenzo D’Alessandro Jr aveva già centrato la vittoria nel corso della riunione, in sulky ad Oxford Street, molto veloce a prendere la testa e non lasciarla più. Il figlio di Sj’s Photo siglava questo successo con il tempo di 1.13.6.

Doppietta anche per Giuseppe De Filippis, il quale prima tagliava per primo il traguardo in sediolo a Zahira Font, al terzo successo consecutivo, a media di 1.15.6; e bissava nella corsa successiva con Volpe Jet, al nuovo record in carriera di 1.14.3.

Bel primo piano di Umago Jet, dopo intero percorso esterno nelle mani di Federico Marangi. Il figlio di Igor Font pedinava Trouble, che dopo un giro superava Scandalo Font, lo attaccava in retta d’arrivo e prendeva la meglio trottando da 1.14.2.

Nella mista tre e quattro anni di discreta categoria si affermava Zambesi, affidato da Giovanni Petraroli a Cosimo Fiore, che in dirittura infilava Zoe Gams e rimontava Vera Moon finita forte a centro pista. Il vincitore completava il percorso in 1.15.6.

Giovanni Petraroli “colpiva duro” anche personalmente, conducendo alla vittoria Upset Grif, declassato in categoria G, a media di 1.15.6.

Nella corsa gentlemen facile vittoria del favorito Zar Sheba, interpretato da Federico Rescio, che passava al comando dopo mezzo giro e si teneva fuori dalla portata dei rivali rifinendo il tutto in 1.16.1.

Omar Tufano

 

 

https://www.guidapsicologi.it/studio/drssa-daniela-anedda

Commenti

Basket - Tarantine in fermento tra riforma e mercato
Roma, Torino ed ora... Taranto. Firma il talentuoso Ivan Squerzanti