Taranto F.c.

Punto D/H, Riccardo Di Bari: 'La squadra più continua è il Taranto: importanti i tre recuperi'

L'ex ds della Fidelis Andria a TST: 'Campionato indecifrabile: manca continuità'

13.01.2021 20:39

DI ALESSIO PETRALLA

Un campionato avvincente ed equilibrato quello della serie D/H, però, ancora indecifrabile vista la mancanza di continuità per colpa del Covid. Ad analizzarlo nel dettaglio, a Tutto Sport Taranto, è l'ex ds di Foggia e Fidelis Andria, Riccardo Di Bari: "Nonostante la non continuità, per via del Covid, la classifica attuale rispecchia i valori delle società che hanno speso tanto per provare a vincere come Casarano, Taranto, Lavello e Picerno. Solo il Bitonto è rimasto indietro. Mi aspetto un campionato avvincente con queste formazioni che se lo giocheranno fino alla fine. E' un girone, ancora, indecifrabile, un campionato lungo e aperto per tutti. Spero che quanto prima si possa riprendere a giocare con continuità e che questa pandemia possa fermarsi in modo da tornare a lavorare in modo normale. Poi, c'è il Sorrento che con una buona base era partita benissimo ma che nelle ultime gare ha avuto qualche passo falso. La squadra più continua era il Taranto".

IL TARANTO: "Sta percorrendo un cammino positivo: vedremo come si comporterà nei tre importantissimi recuperi. Il ds Montervino ha portato in riva allo Ionio il centrocampista Tissone che ha un curriculum che parla da solo: a volte, però, certi calciatori fanno fatica ad adattarsi in un campionato come quello della serie D. Diaz, altro importante acquisto, conosce bene il tecnico Laterza con cui nel passato campionato ha fatto cose importanti. Si tratta di un calciatore fondamentale per l'economia del gioco del Taranto: attaccante ben strutturato che fa reparto. Inoltre conosce benissimo la serie D e quindi non farà fatica ad adattarsi".

LE SORPRESE: "La prima nota lieta di questo scorcio di campionato è il Nardò: il tecnico Danucci, alla sua prima apparizione in panchina, sta ottenendo buoni risultati facendo giocare un bel calcio ai suoi atleti. Altra realtà che sta sorprendendo è il Brindisi: nonostante qualche problema e i tanti addii gli adriatici continuano a fare risultati importanti con il tecnico De Luca che sta facendo un gran lavoro. La sorpresa in negativo è il Bitonto visti i risultati stentati e il grande organico costruito con un tecnico, Ragno, che ha vinto parecchi campionati".

PICERNO-SORRENTO E LAVELLO-CASARANO: "Sono due scontri diretti in cui chi trionferà farà un importante salto di qualità. Allo stesso tempo non sono due sfide decisive".

ZONA MEDIO BASSA: "Anche le squadre che sono partite male se la possono giocare con chiunque. Stesso discorso vale per la lotta salvezza: servirà continuità con le squadre che potranno, comunque, ricorrere ad un lungo mercato per rafforzarsi".

Si ringraziano:

Commenti

Covid: Il bollettino nazionale del 13 gennaio. 15744 casi, 20532 guariti e -57 terapie intensive
Covid: La situazione vaccinale al 13 gennaio nel tarantino