Settori Giovanili

Diavoli Rossi: Spina, 'Manca il campo ma questa società saprà ripartire al meglio'

'La ripresa? Dobbiamo far gioire da subito i bambini'

11.04.2020 18:38

Nonostante il periodo ancora delicato che sta attraversando l'Italia, anche in casa Diavoli Rossi non si vede l'ora di tornare, a piccoli passi, alla normalità. Lo conferma il tecnico dei Pulcini 2009-2010, Aldo Spina, che racconta questi momenti senza calcio: "A stare in casa si soffre parecchio. Nel frattempo, avendo preso il patentino UEFA B ne approfitto per fare degli aggiornamenti online e confrontarmi con altri tecnici. Mi manca il campo e il sorriso dei ragazzi. Ormai questa stagione è stata compromessa nonostante avessimo ben seminato. La ripresa non sarà tanto traumatica visto che mi trovo in una società trentennale che saprà riorganizzare subito il tutto".

LA RIPRESA: "Bisognerà trasmetterre, immediatamente, positività ai ragazzi. Qualcuno di loro l'ho sentito e so che sta soffrendo la mancanza del divertimento sul campo. Dovremo essere bravi a farli tornare a gioire".

ALLENAMENTI: "La mia fascia corrisponde agli atleti nati nel 2009 e 2010 e farli lavorare da casa è molto difficile. So con certezza che si cimentano in dei palleggi e si organizzano a fare giochi con palla e bottiglie. Non stanno mai fermi".

IL BILANCIO: "Fino alla metà di febbraio il bilancio è più che positivo. Ho visto grossi miglioramenti dato che questi atleti li alleno già da tre anni: diciamo che li ho cresciuti io. E' stato svolto un ottimo lavoro con questo virus che, poi, ci ha tagliato le gambe".

LO STAFF: "Che dire: sia Renna che Fischetti sono il top sulla piazza ionica. Poi ci sono gli allenatori Gianpaolo Renna e Piero Stasi che sono preparatissimi. Il DG Trombetta e il Dirigente Angelo Amo hanno dato una grossa impronta alla società. Tutta gente importante per una gloriosa realtà calcistica del territorio".

UFFICIO STAMPA DIAVOLI ROSSI - ALESSIO PETRALLA

Si ringraziano:

 

 

 

Commenti

Il grande cuore del Sorrento: donazione a favore dell'ospedale sorrentino
Marti: «La verità del Comune sul Taranto Calcio»