Taranto F.c. News

Grazie Capitano

a cura di Massimiliano Fina

01.02.2020 15:25

"Ogni volta in cui sono entrato in campo indossando la vostra maglia e la fascia da capitano vi ho sempre dato tutto quello che avevo sudore, salute, sogni! Grazie per il vostro amore incondizionato che mi ha fatto sentire fortunato e grato di poterlo vivere! Vi lascio come se fossi uno di voi. Addio è una parola troppo grossa e dolorosa così ti dirò solo arrivederci. Ciao Taranto mio". Ricco di pathos, amore verso quei colori dunque, il post di Stefano D’Agostino, un fulmine a ciel sereno la sua partenza, che ha causato grossi malumori soprattutto intorno alla tifoseria, la quale ha perso il suo beniamino, dopo 3 stagioni, 72 presenze e 41 gol che hanno permesso al fantasista genovese di diventare il decimo miglior marcatore di sempre dei rossoblù. D'Agostino si è legato al Floriana Football Club, società della Serie A maltese alla cui guida c'è Riccardo Gaucci, ex presidente del Perugia.

Un tifoso tarantino, d'ora in avanti, quando sfoglierà l’album dei ricordi, non si dimenticherà del fantasista genovese, cercando di rivivere tutte le emozioni che, l’ultimo “vero” numero 10 rossoblù, ti ha regalato.

L'abbiamo visto cadere e rialzarsi dopo un infortunio. L'abbiamo visto commuoversi e andare sotto la Curva NordL'abbiamo visto segnare gol bellissimi, con quel piede fatato capace di illuminare la squadra nel momento del bisogno. L'abbiamo visto dare tutto per la maglia rossoblù, l'abbiamo visto combattere, vincere, perdere e ancora una volta non mollare. Mai. L'abbiamo visto, commosso, dire addio alla sua gente, a casa sua, lasciando tutti senza parole e con una ferita indelebile nel cuore. Eh sì perchè lui non voleva andarsene, sarebbe rimasto, ma probabilmente la Società aveva in mente un altro percorso da far intraprendere al suo Taranto senza Stefano. Oggi è un giorno particolare, è la vigilia del match contro il Sorrento, e domenica in campo non ci sarà. Ci fermiamo un attimo, in silenzio e riviviamo da tifosi e amanti di calcio le sue giocate e i suoi gol. Ognuno ha le sue preferite, e allo Iacovone abbiamo ammirato in campo un grande calciatore, un campione che non si è dimenticato come fare i miracoli.

E nell'esultanza di questo tifoso speciale rivivono i sentimenti e le emozioni che Stefano ci ha regalato in questi anni. In bocca al lupo per la tua nuova avventura. (QUI il Video del bambino dopo un gol di D'Agostino)

Commenti

Vibrotek: Coach Danese, 'Domenica mi aspetto convinzione su ogni palla'
Pronostici: Garzya, 'Pensavo che per il Taranto questo era l'anno buono...'