Taranto F.c.

Angelo Maraglino: 'Se arriva Pagni vuol dire che c'è un gran progetto di base'

Il portiere del Sava a Tutto Sport Taranto: 'Taranto? Non è plausibile un sesto posto in serie D'

31.05.2020 18:09

DI ALESSIO PETRALLA

A commentare il momento e a parlare del campionato di serie D/H, a Tutto Sport Taranto, è il portiere del Sava Angelo Maraglino: “La ripresa dei campionati professionistici? È una scelta non giusta perché come sempre si privilegia dove ci sono i soldi danneggiando chi fa fatica ad arrivare a fine mese. O si riprende ovunque o niente”.

IL PERIODO: “Sono stati, davvero, dei brutti mesi perché mi sono sentito in galera. Non mi era mai successo di stare senza calcio per tre mesi: e non è finita perché sarà così fino a settembre. Riprendere non sarà facile per nessuno visto che ci saranno infortuni come è successo, già, in serie A: una cosa normale visto lo stop prolungato. Ora assisteremo a dei campionati falsati in cui vincerà chi avrà fatto una preparazione migliore. Inoltre, non esisterà più il fattore campo visto che si giocherà a porte chiuse”.

SERIE D/H: “Il Bitonto ha vinto meritatamente il campionato anche se il Foggia stava recuperando. Alla fine, penso, che saliranno sia i neroverdi che i satanelli: i foggiani non possono non salire anche perché avevano ancora gli scontri diretti. Sentivo che saranno fatti anche molti ripescaggi in cui saranno premiate le compagini più blasonate: il Taranto, soprattutto con le nuove persone che potrebbero subentrare, avrebbe le carte in regola. Se arriva Pagni, che io ho avuto come ds, vuol dire che alla base esiste un progetto molto importante: ha lavorato con Lotito e capisce tantissimo di calcio. Spero possa accordarsi”.

IL TARANTO: “Come ogni anno è una maledizione o un fatto ambientale. Si sa se non si mostrano gli attributi e il carattere il pubblico inizia a fischiare: quella ionica non è una piazza come le altre. Ci sono tanti stimoli e la pressione si sente. Forse qualche atleta ha sofferto quest’ultima. Non è plausibile un sesto posto in serie D”.

MARAGLINO: “Ho intrapreso una strada diversa e quindi lavoro e gioco. A Sava abbiamo disputato una bella stagione e credo di restare li. Spero di giocare ancora almeno per altri dieci anni perché ora per me il calcio è soprattutto divertimento. Prima era prettamente lavoro”.

Si ringraziano:

 

 

Commenti

Coronavirus: Il bollettino nazionale del 31 maggio. Continuano a calare i positivi.
Cade ultraleggero, due morti vicino Roma: erano due nuotatori