Baseball

Doppia vittoria per i Tritons, ma che fatica

Si conclude una settimana molto positiva per il sodalizio ionico, dopo la u18 anche la seniores porta casa due vittorie al cardiopalma contro la Fovea Embers Foggia

27.07.2020 23:57

Esordio casalingo in Serie C per i Tritons Taranto nell'improvvisato diamante del Comunale di Tramontone, ospiti la Fovea Embers di Foggia, incontri validi per la quinta e sesta giornata.

 

Gara 1 Taranto - Foggia 10-9 
 

I tarantini scendono in campo molto motivati ma gli avversari dauni non hanno nessuna intenzione di rendere le cose facili, anzi. Dopo l'inno nazionale ed il minuto di raccoglimento per ricordare le vittime del Covid-19 l'arbitro di casa il sig. Tommaso Ferramosca urla il primo playball di giornata. Il manager Motolese schiera sul monte di lancio Dary Ruiz il più piccolo dei fratelli mentre a ricevere Adriano Jayakodi entrambi Under 18; nel campo interno Chirulli in prima base, Pacente in seconda, Garcia Hernandez in terza e Danyeri Ruiz in interbase; Sul campo esterno i veterani Alabrese, Costante e Albanese.

L'impatto sulla partita dei Tritons è infelice, Dary Ruiz appare sotto tono e non trova l'area dello strike, gli Embers sono abili ad approfittarne e mettono a referto 4 punti. In attaco i Tritons devono vedersela con il pitcher foggiano Giovanni Coluccino che nel primo inning tiene a bada le mazze ioniche  ed i rossoblu segnano un solo punto. Dary Ruiz nel secondo inning trova le giuste traiettorie e tiene a zero i foggiani, ci pensa il fratello, Danyeri Ruiz, che pareggia i conti battendo un lungo fuoricampo da tre punti. Nel terzo inning il Foggia rimette la testa davanti grazie al punto segnato dal bravissimo Gabriele Sammartino spinto a casa dalla valida di Coluccino. Nel quarto di nuovo pareggio grazie alla battuta del cubano Garcia Hernandez. Partita equilibrata ma nel quinto sono i rossoblu ad andare in vantaggio grazie alla battuta del neo entrato Alessandro Marini che porta a casa Chirulli e Palombella. La partita sembra in ghiaccio ma gli Embers sfoderanno un ultimo inning scoppiettante, segnando ben quattro punti dove spicca il doppio di Bizzoco. I Tritons sono con le spalle al muro sotto di due punti ed ancor peggio con due eliminazioni quando il capitano Marco Costante batte un doppio che porta a casa due punti e porta la partita agli extrainning, togliendo le castagne dal fuoco a Rafael Motolese. Agli extra inning  i Tritons  trovano la forza di vincere grazie a Yoicell Garcia Hernandez che sul monte di lancio non concede nulla e trova la valida necessaria per far segnare Danyeri Ruiz il punto decisivo. 
 

 

Gara 2 Taranto - Foggia 19-18

Dopo una breve pausa, sotto un sole cocente, i due team sono pronti per sfidarsi nuovamente tra lanci, prese  e battute. I Tritons schierano sul monte Biagio Chirullied  a ricevere Piero Palombella, due classe 99 prodotti del vivaio Tritons. L'approccio di Chirulli non è dei migliori, infatti il Foggia segna tre punti grazie ad un bel doppio di Vaira, i Tritons reagiscono in maniera veemente disputando un big inning da 8 punti in cui spiccano le valide di Alabrese, Garcia e Ruiz. Nel secondo inning i Tritons allungano ancora di un punto grazie alla vivacità offensiva di Marco Costante, al quinto inning i rossoblu mettono a segno il secondo fuoricampo di giornata e lo realizza Adriano Jayakodi fissando il punteggio sul 13-7. La partita sembra destinata al suo epilogo ed invece i dauni guidati da Alfredo Strippoli regalano un inning strepitoso segnando 9 punti mettendo in grave crisi la squadra tarantina. Un incubo vissuto dai lanciatori Pacente e Mucavero. Ancora una volta al sesto inning la squadra di Motolese si ritova con le spalle al muro, servono tre punti per continuare la partita e quattro per vincere, alla fine del sesto sono tre i punti e partita di nuovo agli extra inning. Nel settimo inning in una situazione di tie break il Foggia segna due punti grazie alla battuta valida  di Rocco. I Tritons trovano il pareggio al settimo con Danyeri Ruiz che batte un doppio che vale oro e porta casa Jayakody e Costante. Serve un altro extra inning per decretare la vincente, il giovane Gabriel Mucavero dopo aver passato un brutto momento sul monte di lancio riordina le idee e lascia a zero i foggiani, l'occasione è ghiotta per i tarantini che non se la fanno sfuggire infatti Andrea Albanese segna il punto decisivo sul walk off di Adriano Jayakodi 

"Partite così ti riconciliano con lo sport, due squadre che si danno battaglia in campo con grande rispetto ma con grande agonismo. Sono molto contento per queste due vittorie - spiega il presidente Antonio Maggio - ma dal punto di vista tecnico e del gioco accusiamo dei clamorosi cali di tensioni che rischiano di vanificare tutti gli sforzi che mettiamo in campo, la settima si conclude bene dopo le due belle vittorie ottenute dalla Under 18 ottenute mercoledì sempre contro il Foggia"

"Sono molto felice e orgoglioso della mia squadra, i Tritons, - racconta il mattatore di giornata Danyeri Ruiz -  amo il baseball e sono più che felice di praticare lo sport che amo in un paese con così tanta storia e cultura come l'Italia. Ringrazio il  nostro Presidente Antonio Maggio ed ogni membro della direzione del team per il lavoro che fanno per tenere in piedi il  nostro team e anche ai miei compagni di squadra per avermi fatto sentire a casa. Nel mio paese in Repubblica Dominicana c'è un campo da baseball in ogni quartiere, mi auguro che una città come Taranto possa avere presto un vero campo da baseball"
 

Ora per i senior ci sarà una pausa, infatti il campionato riprenderà il 30 agosto con il derby del Salento contro  gli Angels Matino primi in classifica a punteggio pieno con sei vittorie, infatti nell'altro match di giornata i salentini hanno sbancato Bari con due vittorie. Ora in classifica i Tritons hanno agguantato il Bari  ed alla ripresa cercheranno di giocarsi tutte le carte possibili, mentre mercoledì ancora una fatica per gli Under 18 impegnati in trasferta a Foggia.

Commenti

Il Ginosa sogna l'Eccellenza dopo vent'anni. Fatta domanda di ripescaggio
Manduria: Palmisano ripartire con i piedi per terra