Pallavolo Femminile

Ragone resta per una nuova storia da «scrivere» con il Castellaneta

Il martello è il pilastro della Security Fire&Greenergy

16.11.2020 00:10

Un altro pilastro della storia recente del Volley Castellaneta resta in biancorosso. Per il quarto anno consecutivo, la schiacciatrice Enza Ragone ha scelto di vestire la casacca numero 5 della Security Fire & Greenergy, dando inizio così ad un nuovo capitolo della sua esperienza con le «pantere» segnata finora da importanti traguardi individuali e di squadra. Soprattutto nel campionato di serie C, dove torna quest’anno con il suo bagaglio di esperienza, ambizione e voglia di ripetere i fasti dell’annata sportiva 2018/2019: migliore schiacciatrice della Coppa Puglia, top scorer stagionale di squadra e trascinatrice nella conquista del double Coppa-promozione in B2. «Sarò sempre legata a questa società e alla gente di Castellaneta – commenta la 28enne atleta di Altamura -. In questi anni, abbiamo sofferto, gioito e costruito assieme vittorie, record e traguardi incredibili, che rimarranno indelebili nella mente e nel cuore di ciascuno di noi. Sono abituata ad ambire sempre al massimo, a prescindere dalla categoria affrontata. La squadra ha tutto dal punto di vista tecnico, tattico e umano per arrivare lontano in questo campionato di serie C. Si respira tanta fiducia ed entusiasmo all’interno del gruppo. Step by step, sono convinta che riusciremo a porre solide basi per una stagione importante». Quanto alla preparazione per il nuovo torneo che partirà a gennaio, Ragone aggiunge: «Stiamo affrontando questo cammino con grande abnegazione, grazie soprattutto all’ot - timo programma di lavoro impostato dal nostro staff tecnico. Nel gruppo c’è tanta voglia di tornare a vivere quelle emozioni uniche che solo la pallavolo sa regalare. Ma bisognerà attendere il mese di gennaio, coltivando fiduciose la speranza di superare quanto prima questo nuovo momento difficile legato alla seconda ondata della pandemia».

fonte: Angelo Loreto - Gazzetta del Mezzogiorno

Commenti

Woman Grottaglie: Ko con Molfetta ma buona prestazione delle grottagliesi
Il "grido" di Silvia Semeraro: "Ridatemi il mio karate sperando in Tokio"