Calcio estero

Russia 2018, pari e spettacolo in Portogallo - Spagna. Vincono anche Uruguay e Iran

di Massimiliano Fina

16.06.2018 10:49

Il secondo giorno di questi mondiali ha visto le vittorie di Uruguay e Iran all’ultimo minuto, mentre Portogallo e Spagna ci hanno regalato il festival del gol, con uno strepitoso Cristiano Ronaldo autore di una tripletta.

Portogallo 3-3 Spagna 

A Sochi il Portogallo va avanti due volte con il solito Cristiano Ronaldo che segna prima su rigore e poi con la complicità di De Gea, autore di una paperissima. La Spagna non molla, acciuffa due volte il pareggio con Diego Costa e addirittura ribalta la gara conk il gran gol di Nacho. Ma il Portogallo ha un fuoriclasse chiamato CR7: il 5 volte pallone d’oro realizza su punizione nel finale il gol che fissa il punteggio sul definitivo 3-3. 

Egitto 0-1 Uruguay

Gimenez ha regalato all’ultimo minuto della ripresa la vittoria all’Uruguay. Al 44’ del secondo tempo il centrale dell’AtleticoMadrid ha firmato il gol partita con un colpo di testa. Successo meritato per gli uomini di Tabarez, dopo che Suarez ha fallito due nitide occasioni e Cavani è stato stoppato dal palo. In classifica adesso l’Uruguay è in testa insieme con la Russia, mentre la situazione dell’Egitto si fa già complicata non soltanto per la classifica ma anche per l’assenza di Salah che rischia di non giocare anche la prossima partita.

Marocco 0-1 Iran

A San Pietroburgo partenza sprint del Marocco che ha dominatol’intera gara ma nella ripresa in pieno recupero si è arreso sul più bello complice l’autogol di Aziz Bouhaddouz che di mestiere fa ilcentravanti, e da vero attaccante al 95’, l’ha piazzata di testa in fondo al sacco, ma nella porta sbagliata. L’Iran riesce a portare a casa l’1-0 e ora può sognare in grande.

Girone A: Russia e Uruguay 3 punti, Egitto e Arabia Saudita 0

Girone B: Iran 3 punti, Spagna e Portogallo 1, Marocco 0

Commenti

Basket, ad Alberobello la 2° edizione dell'All Star Game - Prima Divisione
Nuova figura nell’ufficio stampa del Taranto. Carpignano, un gradito ritorno