5Women

Dona Five, parla bomber Moreira: «I miei gol? Merito della squadra»

La giocatrice brasiliana ha già messo a segno 31 gol dei 71 totali del Fasano in campionato: «Più della metà delle mie realizzazioni la devo alle mie compagne». Sabato c’è la Futsal Irpinia: «Squadra ostica, ci vuole attenzione».

10.12.2019 16:05

intervista di Gisberto Muraglia

Nel Dona Five Fasano che per ora, almeno a giudicare dalla classifica del girone D di A2, non sta trovando nessun ostacolo sul suo cammino, ci sono anche i gol di Brenda Moreira a marcare la differenza dal resto delle compagini. Non c’è ancora niente da festeggiare, perché Molfetta e Lamezia restano in agguato dietro l’angolo, pronti ad aspettare un passo falso della capolista Dona Five. Tuttavia, i numeri della brasiliana alla corte del tecnico brindisino Michele Pannarale sono eloquenti: sui 71 gol stagionali finora messi a segno dalle pugliesi, 31 portano la firma dell’ex giocatrice di São Bernado, Santa Cruz do Rio e Juventus Futebol, tra le altre. In buona sostanza ci si avvicina al 50% delle reti complessive del Fasano. Tutto questo senza dimenticare, e ribadirlo appare finanche lapalissiano, il grande lavoro delle compagne di squadra di Brenda, perché la vera forza di una squadra è il collettivo. Vedasi i gol (più numerosi assist) di Acevedo, quelli di Gelsomino e compagnia cantante. Non soltanto campionato, perché ai 31 centri in campionato, bisogna aggiungere altri 5 sigilli a referto della Moreira in Coppa Divisione, dove il Dona Five attende lo scontro decisivo per l’ingresso nei quarti contro la fortissima Salinis. Insomma, per ora una stagione da incorniciare per la Moreira e il suo Dona Five, seppur con la consapevolezza di non poter e dover mai abbassare la guardia, perché anche se la famosa “carta” dice che sei qualitativamente più forte di tutti, finire sul pacchetto degli imprevisti stile “Monopoli” è un attimo. Questo la Moreira lo sa bene, visto che è la prima a non voler sciupare quanto di eccellente fatto finora. A corroborare tutto questo c’è lo scontro di sabato con la Futsal Irpinia, unica squadra che ha costretto la Dona Five a fermarsi sul pari relativamente ai tempi regolamentari, vedi l’incontro in Coppa Divisione dove le brindisine hanno avuto bisogno dei rigori per imporsi. Ma sabato sarà un altro contesto, un’altra storia. Il Dona Five non può permettersi passi falsi per continuare a tenere lontano le dirette inseguitrici. E questo Moreira lo sa molto bene.

Brenda, finora un campionato praticamente perfetto. Il Fasano sembra avere qualcosa in più rispetto a tutti. Qual è la tua opinione?

Siamo una buona squadra che ogni domenica affronta con umiltà tutti gli avversari, non sottovalutando mai nessuno. Abbiamo il massimo rispetto di ogni squadra che affrontiamo. Alcune di noi giocano insieme da un paio di anni, quindi ci conosciamo, altre compagne sono subentrate migliorando ancora di più il gruppo e poi c’è il mister che è bravo a preparare ogni singola gara in maniera dettagliata.

Stai facendo la differenza, segnando molti gol. Contenta del tuo rendimento finora?

Sono davvero felice di essere in grado di aiutare la mia squadra con così tanti goal, penso che più della metà dei miei goal sia merito della mia squadra, che mi ha aiutato molto. Prima di iniziare la stagione mi sono messa in gioco con me stessa: devo superarmi, ho tanto da imparare, so bene che mi devo dare da fare in tutto.

In questi casi quale può essere la difficoltà principale di una squadra che ha vinto tutte le partite? Magari a livello psicologico, pensando di aver già vinto?

Magari si ha un po di pressione addosso per paura di sbagliare, ma tutto sommato se si entra in campo con la giusta testa, le paure man mano scompaiono

Tornando a te, sei felice dell'ambiente di Fasano?

Mi sono trovata bene già dall'anno scorso. Ovviamente lontana di casa, dalla mia famiglia ci sono alcuni momenti che ti manca tutto, ma qui ci sono persone che mi fanno sentire a casa, poi per il resto mi adatto a tutto.

L'impressione che si ha dall'esterno è che il vostro è uno spogliatoio molto unito. Confermi?

Sì, assolutamente. Il nostro spogliatoio è unito, tutte cerchiamo di lottare per lo stesso obiettivo.

In ultima analisi, due parole sul prossimo avversario: la Futsal Irpinia.

L'Irpinia è una buona squadra, molto ostica. In coppa abbiamo vinto ai rigori. Ma come ho detto in precedenza ogni avversario ha le sue caratteristiche e non dobbiamo mai mollare, dobbiamo prestare sempre la massima attenzione ed entrare in campo con il piglio giusto.

Commenti

Virtus Tarentum Academy, Tranquillino: "Presto un altro passo importante per il nostro sodalizio"
Santa Rita, la forza della gioventù