Settori Giovanili

Giochiamo con l'ANT, tutto pronto per l'inizio della manifestazione

Ufficializzate questa mattina presso la sala stampa dello Iacovone le date di inizio della settima edizione del Trofeo Ant - Premio "Carlo di Santo"

24.06.2017 17:06

 a cura di Rossella Drivio      

FOTO AURELIO CASTELLANETA

Nella sala stampa dello stadio Erasmo Iacovone si è tenuta la presentazione ufficiale della VII edizione del Trofeo Ant - Premio Carlo Di Santo che vede la partecipazione di 20 società con 49 squadre divise per 7 categorie: l’inaugurazione del torneo avrà luogo il 27 giugno e dal giorno seguente inizieranno le gare che termineranno il 2 luglio.

L’organizzatore dell’evento e presidente dell’Asd Albatros Franco Troccoli svela i protagonisti della gara che vede unirsi sport e sociale: “Oltre al torneo Ant ci sono incluse nel torneo altre manifestazioni: il Memorial Danilo Fato, il Memorial Trofeo Adoc con i ragazzi della Casa 3 ottobre, il Memorial Italo Petrelli e per finire il premio Carlo Di Santo con la gara Mar Piccolo - Mar Grande, e per concludere un triangolare con tre squadre dell’Ant: Potenza, Taranto e Mottola. Saranno sicuramente cinque giorni molto movimentati”.

A cimentarsi in una delle gare anche Francesco Mignogna: “Partecipo volentieri  a questa sfida ogni anno, essendo nato ai Tamburi e vivendo a Paolo Sesto: farò parte della squadra  Città Vecchia. Sarà sicuramente una bellissima giornata dedicata allo sport, ci divertiamo, per i bambini e per i ragazzi è importante lo sport nel loro vivere quotidiano e sono i loro sorrisi la vera vittoria di questa manifestazione”.

Come rappresentante Ant era presente alla conferenza il responsabile amministrativo Danilo Calculli: “Franco ci conosce da tantissimi anni e ha voluto inserire in questo evento un premio ai nostri operatori organizzando una partita Pro Ant alla quale parteciperanno medici, infermieri e volontari dell’Ant”.

"Questa manifestazione e questa collaborazione con l’Ant tocca un po’ tutti e accresce in noi quello spirito di solidarietà che talvolta dimentichiamo di possedere" ricorda il direttore sportivo del Taranto F.C. Luigi Volume - e sono particolarmente legato a questa associazione, l’Ant  è  molto vicina con il suo aiuto e il suo sostegno alle persone affette da gravi malattie, credo che la cosa più bella sia dare la possibilità a queste persone di vivere delle giornate in assoluta serenità e spensieratezza guardando i bambini e i ragazzi divertirsi”.

Ovviamente presente alla conferenza il coorganizzatore dell’evento Roberto D’Onofrio: “Ringrazio tutti i responsabili delle scuole calcio che partecipano e hanno partecipato in passato, è un piacere vedere i bambini qui oggi ed è un piacere vederli giocare, sono loro il nostro futuro e dobbiamo cercare di sostenerli sempre”.

“Sport e solidarietà sono un connubio perfetto" rivela il dottor Giuseppe Ricciardello capo di Gabinetto del Sindaco Stefano che si rivolge soprattutto ai bambini sollecitandoli a divertirsi "mettendo in campo quelli che sono i valori primari dello sport: lealtà  e onestà".

A commentare l’iniziativa  anche Domenico Votano presidente Adoc: “In questo torneo ci inseriamo con dei ragazzi magnifici che provengono da territori in cui il diritto al gioco non esiste, farli partecipare a questa manifestazione serve loro per imparare a stare insieme agli altri".

Si è unito alla conferenza anche il consigliere comunale Dante Capriulo: “La  presenza del dottor Ricciardello a nome del sindaco testimonia che l’amministrazione comunale è sempre vicina a queste manifestazioni e mi auguro che lo sia sempre perché credo che lo sport sia un’attività formativa straordinaria e merita di essere incentivata”.

Commenti

Scuola Sport Eden Boys Statte, trent'anni e non dimostrarli
Il badminton in mostra e Taranto fa da padrona