1a Categoria

Prima Categoria: Sava presente, Grottaglie no

a cura di Fabrizio Izzo

17.02.2019 22:46

Immagine ZaccagniIl match più importante della sesta giornata di ritorno si giocava al Camassa di Sava tra i padroni di casa e il Grottaglie. Gara importante per entrambe le compagini in chiave promozione e primato, con il Sava pronto a sfruttare l’ultima opportunità per rimanere agganciato al treno di testa e il Grottaglie per mantenere la vetta della classifica. Si è giocato in un pomeriggio dal clima mite al cospetto di un rumoroso, corretto e foltissimo pubblico, quello delle grandi occasioni. L’ha spuntata il Sava con il risultato di 2 a 1 per l’esplosione di gioia di tutti i suoi sostenitori. La Cronaca:

Primo tempo sostanzialmente equilibrato con il Sava che è partito meglio e un Grottaglie che è cresciuto man mano.

6° la difesa del Grottaglie esce male palla al piede e favorisce il pressing avversario, Vasco in area di rigore, dalla destra, mette palla dietro per l’accorrente Gioia che in solitudine calcia a botta sicura infilando Costantino per il vantaggio dei padroni di casa: Sava 1 Grottaglie 0;

9° calcio d’angolo in favore del Sava, Angelè svetta di testa e colpisce in pieno la traversa;

15° Costantino respinge goffamente un lungo traversone in area servendo al limite Gioia, pronto il tiro del centrocampista savese con il portiere grottagliese che respinge con i piedi;

18° De Tommaso calcia una velenosa punizione dalla lunga distanza con Pastore che devia la sfera contro la traversa;

32° Vasco batte una punizione dalla sinistra da posizione molto defilata, quasi dalla linea di fondo, e costringe Costantino ad una difficile parata in angolo;

35° De Tommaso, dalla bandierina, cerca il colpo a sorpresa con la palla che fa la barba alla traversa;

45°+2 ancora un punizione di De Tommaso dai 25 metri e infortunio di Pastore che si lascia sfuggire la palla in rete per il momentaneo pareggio ospite: Sava 1 Grottaglie 1.

Secondo tempo tutto del Sava, i biancorossi hanno fatto la partita, sempre reattivi su ogni palla, hanno chiuso gli spazi ai grottagliesi ripartendo in maniera pericolosa.

3° passaggio filtrante di Gioia che imbecca Vasco in area, il centravanti solo davanti al portiere mette fuori di poco;

4° Fonzino tira dalla distanza, la palla finisce sui piedi di Birtolo che devia debolmente favorendo la facile parata di Pastore;

15° Cimino, dalla sinistra, mette al centro dove Denisi colpisce di testa impegnando severamente Costantino;

36° lancio di 50 metri di Angelè per Urbano, l’esterno savese raccoglie la palla prima che esca sul fondo e mette al centro, Vasco si eleva in area e colpisce di testa mettendo la sfera all’angolino alla sinistra di Costantino per il goal vittoria: Sava 2 Grottaglie 1;

40° discesa di Trisciuzzi sulla destra, palla sui piedi di Urbano che solo davanti al portiere tira colpendo il palo;

43° angolo di Cimino e Denisi, tutto solo, si vede respingere il colpo di testa dal portiere;

45°+5 punizione di De Tommaso dal limite dell’area e palla che sfiora il palo alla destra di Pastore.

Il Sava ha meritato la vittoria. I padroni di casa sono scesi in campo decisi, convinti di poter fare risultato giocando una gara tatticamente attenta. I biancorossi hanno blindato le fasce laterali, punti di forza del Grottaglie, e hanno colpito inesorabilmente la difesa avversaria apparsa in difficoltà come non mai. Grottaglie lento, con poche idee e incapace di mettere in campo quel carattere che deve contraddistinguere una capolista. Dopo un primo tempo chiuso in parità ci si aspettava un Grottaglie aggressivo e pronto a fare suo il risultato nella ripresa e invece, nei secondi quarantacinque minuti, i biancoazzurri non hanno mai tirato in porta, senza creare occasioni pericolose. Risultato giusto che avrebbe potuto assumere anche contorni più larghi se non ci fossero stati i legni e il portiere a fermare le conclusioni savesi. Sava che accorcia a meno sei il distacco dai grottagliesi e alimenta le speranze promozione. Il Grottaglie, con la sindrome degli scontri diretti e contestato dai tifosi a fine gara, perde male la partita e contemporaneamente la vetta della classifica in favore del Castellaneta, prossimo avversario domenica al D’Amuri. Il Sava, nella settima giornata, affronterà in trasferta il San Vito (all’andata 1 a 1), un turno che potrebbe risultare ulteriormente fruttuoso.

Tabellino

SAVA – ARS ET LABOR GROTTAGLIE: 2 – 1

Formazioni

Sava: Pastore, Trisciuzzi, Coccioli, Cimino, Angelè, Biasi, Eleni (Urbano), Gioia, Vasco, Chirivì (Caputo), Denisi. A disp. De Marco, Di Comite, Sanna, Moscogiuri, Morleo, Colluto. All. Mazza.

Ars et Labor Grottaglie: Costantino, Pisano, Appeso, Pizzolante, Camassa, Cirrottola, Fonzino (Masella), Raffaello, Birtolo (Galeandro), De Tommaso, Napolitano (Collocolo). A disp. Annicchiarico, Amaddio, Lecce, Cazzetta, Castellaneta, Comes. All. Orlandini.

Marcatori: 6° Gioia (S), 45°+2 De Tommaso (G), 81° Vasco (S).

Ammoniti: Cimino (S), Denisi (S), Camassa (G), Cirrottola (G), Fonzino (G), Galeandro (G).

Arbitro sig. Alessandro Leo della sezione di Foggia.

Commenti

Volley C/F: Vibrotek sconfitta a Terlizzi. Di Giuseppe 'Netto calo psicologico'
Prima Categoria: la vittoria è merito nostro non demerito del Grottaglie