Taranto F.c. News

Messina-Taranto: 3-1. I rossoblu ballano in difesa, i peloritani ringraziano

Stendardo e compagni impattano male il match e vanno sotto 2-0 nei primi 8' minuti. Emmausso la riaccende nel finale, Milinkovic spegne la reazione ionica

19.03.2017 17:12

A cura di Enrico Losito

Il match del riscatto per gli uomini di Ciullo dopo la sconfitta interna con l'Akragas si trasforma in una “Caporetto” condita da inqualificabili omissioni difensive. Il Messina, formazione quadrata e frizzante, affonda i suoi colpi come il coltello nel burro già nei primi minuti di gara andando “pronti-via” sul 2-0 grazie alle reti (al 2') di Anastasi con uno splendido colpo di tacco e (al 8') di Foresta abile ad inseririsi nelle maglie difensive dei rossoblu. Peloritani scatenati per il resto della prima frazione e capaci di costruire altre azioni da gol compreso un palo colto da Foresta al 40'. Nella ripresa il Taranto costruisce poche azioni pericolose, tra i più attivi nelle fila rossoblu c'è sicuramente Emmausso (subentrato nella ripresa a Potenza). Proprio il giovane attaccante del Genoa riapre la gara al 41' griffando un gol con una splendida sforbiciata. L'illusione dei tarantini dura pochissimo perchè Milinkovic sfrutta un malinteso tra Altobello e Maurantonio griffando il 3-1 finale. Numeri impietosi per il Taranto nelle ultime due giornate con altrettante sconfitte consecutive e un dato allarmante: 1 rete segnata e 5 subite. Uniche note liete della partita odierna in casa ionica le prestazioni volenterose di Emmausso e Maiorano.

 

Cronaca. Il Taranto di Ciullo, al netto di Paolucci e Pambianchi infortunati ma con i rientri di Lo Sicco e Guadalupi, presenta il consuento assetto tattico il 4-3-3 proponendo: Maurantonio in porta, in difesa De Giorgi, Altobello, Stendardo e Som; a centrocampo Guadalupi perno centrale con ai lati Maiorano e Lo Sicco; in attacco il tridente composto da Viola, Magnaghi e Potenza. Dall'altra parte il Messina di Lucarelli scende in campo con il 4-3-1-2: in avanti Da Silva in appoggio alle punte Anastasi e Milinkovic.

 

Il Messina parte subito bene e passa in vantaggio: al 2' Milinkovic si incunea sulla destra e dal fondo la mette sul primo palo per lo splendido colpo di tacco di Anastasi che batte Maurantonio per 1-0 dei siciliani. Il Taranto prova a reagire: al 7' Viola converge al centro dalla destra e serve Potenza che dal limite tira al lato. Al 9' il Messina raddoppia in contropiede: Da Silva effettua un lancio in corridoio per l'accorrente Foresta che penetra centralmente nelle maglie difensive rossoblu superando Maurantonio in uscita per il 2-0. Al 12' il Taranto risponde: Potenza all'altezza della bandierina, malgrado la doppia marcatura, la scodella in area dalla sinistra per Magnaghi che stoppa in area e calcia a rete con la sfera che finisce di poco alta. Al 17' ancora Potenza crossa dalla sinistra per il colpo di testa di Magnaghi con il pallone che finisce tra le braccia del portiere Berardi. Al 23' ci prova Som, il camerunense supera un paio di messinesi prima di scoccare un mancino violento che si spegne oltre la traversa. Al 25' il Messina vicino alla terza rete: Anastasi sfrutta un assist proveniente dalla destra per svettare di testa anticipando il suo diretto avversario e Maurantonio ma l'impatto del centravanti non è preciso e l'azione sfuma. Alla mezzora il Taranto va vicino al gol: Magnaghi, al culmine di un azione elaborata dei rossoblu, scarica un destro rasoterra, Berardi para in due tempi. Al 33' Messina in avanti: Milinkovic arma il destro di Sanseverino, il suo destro dal limite sfila al lato. Al 39' punizione per il Taranto: Stendardo dai 25 metri con la palla al lato. Al 40' difesa tarantina ancora in bambola e il Messina dilapida la terza marcatura: Milinkovic serve Foresta, la cui mezza girata si stampa sul palo, sulla ribattuta lo stesso centrocampista peloritano tira a botta sicura ma Maurantonio si oppone, la palla rimane in gioco e Anastasi manca da pochi passi la sforbiciata decisiva da pochi passi dalla porta. Finisce il primo tempo con il risultato di 2-0 (meritatissimo) in favore del Messina.

 

Nella ripresa i padroni di casa nuovamente pericolosi: al 6' il cross dal fondo di Da Silva attraversa tutta l'area piccola dei tarantini ma nessuno dei peloritani è pronto al tap in decisivo. Nel Taranto al 10' primo cambio del match: esce Potenza, entra Emmausso. Al 15' il Messina sfiora ancora la terza rete: Da Silva lancia in profondità Milinkovic che prende d'infilata la difesa rossoblu ma, tutto solo davanti a Maurantonio, spara sul corpo del portiere rossoblu. Al 16' seconda sostituzione per il Taranto: Balzano avvicenda l'infortunato De Giorgi, vittima di crampi. Al 18' risponde il Taranto: Viola appoggia a Magnaghi che prolunga in spaccata per Emmausso, il suo destro a giro finisce sopra la traversa. Al 22' prima sostituizione per il Messina: Mancini (uno degli ex del cdonfronto) cede il testimone a Capua. Al 34' ultimo cambio per il Taranto: Cobelli prende il posto di Guadalupi. Al 36' fiammata del Taranto: Emmausso dalla sinistra di accentra e dal limite esponde il sinistro che finisce di un niente al lato. Prima sostituzione per il Messina: al 37' esce Sanseverino, entra Palumbo. Al 40' Messina nuovamente vicino al terzo gol con una girata di Capua che, in piena area di rigore, sparacchia abbondantemente oltre la traversa. Al 41' il Taranto riapre la gara: Som scodella in area dalla sinistra, Cobelli fa sponda di testa al centro per la rovesciata di Emmausso che supera Berardi. L'illusione tarantina, però, dura pochissimo perchè al 44' Altobello e Maurantonio non si intendono, Milinkovic si inserisce tra i due e infila il 3-1 sfruttando una palla lenta proveniente dalle retrovie. Al 45' ultimo cambio per il Messina: Bruno avvicenda Foresta. Finisce 3-1 per i siciliani che possono festeggiare una prova maiuscola mentre il Taranto viene riscucciato nella zona play out.

 

MESSINA (4-3-1-2) : Berardi; Grifoni, Rea, Maccarrone, De Vito; Foresta (45' s.t. Bruno), Mancini (22' s.t. Capua), Sanseverino (37' s.t. Palumbo); Da Silva; Anastasi, Milinkovic. A disposizione: Russo, Benfatta, Ansalone, Bencivenga, Saitta, Akrapovic, Ciccone, Ferri, Madonia. All. Lucarelli.

 

TARANTO (4-3-3): Maurantonio; De Giorgi (16' s.t. Balzano), Altobello, Stendardo, Som; Maiorano, Guadalupi (34' s.t. Cobelli), Lo Sicco; Viola, Magnaghi, Potenza (10' s.t. Emmausso). A disposizione: Contini, Di Nicola, Magri, Nigro,Pirrone, Sampietro, Cecconello. All. Ciullo.

 

Arbitro: Paterna di Terano (ass.ti Spiniello di Avellino – Iovine di Napoli)

 

Marcatori: 2' p.t. Anastasi (M); 9' s.t. Foresta (M); 41' s.t. Emmausso (T); 44' s.t. Milinkovic (M)

 

Ammoniti: Mancini, Rea per il Messina; Viola, Magnaghi per il Taranto

 

Angoli: 3-2

 

Spettatori: 3.000

 

 

Commenti

Brutto ko a Messina, Taranto in silenzio stampa?
Palmieri: "Contro il Racale serve una vittoria"