1a Categoria

Prima Categoria: colpo grosso, Sossio Aruta firma per il Grottaglie

a cura di Fabrizio Izzo

14.12.2018 12:10

Immagine ZaccagniColpo ad effetto del Grottaglie con il patron La Volpe veste di biancoazzurro Sossio Aruta. L’attaccante di Castellamare di Stabia, classe 1970, alla soglia dei 50 anni si rimette in discussione nella prima categoria pugliese con l’obiettivo di raggiungere quota 400 goal. Aruta in 30 anni di carriera ha militato in un infinità di squadre da nord a sud, toccando i campi professionistici della serie B con il Pescara, seppur con poche presenze, e della serie C1 con l’Ascoli. Calciatore di esperienza, e non poteva essere altrimenti vista l’età, che ha navigato ininterrottamente per tanti anni nei campionati di serie D e di Eccellenza, tra le squadre più importanti ricordiamo il Taranto (serie D e C2), il Benevento il Cosenza e via discorrendo. Aruta ha giocato anche in Champions League disputando un turno preliminare con la maglia del Tre Fiori squadra sanmarinese nella stagione 2009/10. Tra le tante vanta l’esperienza televisiva nel il reality sul calcio, “Campioni” (2005), giocando in Eccellenza con la maglia del Cervia allenato da Ciccio Graziani (campione del mondo nel 1982). Sossio conferma di avere un feeling particolare con le trasmissioni televisive infatti il suo arrivo a Grottaglie è successivo alla partecipazione al programma di Mediaset “Uomini e Donne”, il dating show condotto da Maria De Filippi, e il reality Temptation Island di Simona Ventura. Il calciatore sarà disponibile agli ordini di mister Orlandini dopo le feste natalizie. Il nome c’è, l’esperienza pure, il fisico apparentemente anche, è assente dai campi da gioco da un po’ con una carta d’identità che non mente e recita 48 anni il prossimo 19 dicembre. Non possiamo sapere quanto possa servire alla causa calcistica grottagliese l’arrivo di Sossio Aruta ma sicuramente possiamo immaginare che la curiosità spingerà, al D’Amuri, più gente del normale.

Queste le parole del patron La Volpe ai nostri microfoni: “Sinceramente ho sempre avuto in mente di portare a Grottaglie qualcuno di importante. In questo caso, attraverso delle amicizie, si è presentata tale opportunità e poi sai…….da cosa nasce cosa e abbiamo raggiunto l’accordo con il calciatore. Aruta ha un obiettivo quello di raggiungere i 400 goal in carriera e vuole provarci con noi, una meta che se raggiunta darebbe una grossa mano alla causa biancoazzurra. Da lui mi aspetto che trasmetta all’intero del gruppo tutta l’esperienza che ha accumulato in tutti questi anni vissuti sui campi da gioco, che contribuisca alla crescita culturale calcistica di ogni singolo elemento. Nonostante l’età ha un fisico integro e dovrà giocarsi bene le carte a sua disposizione per trovare spazio in parco attaccanti di primo livello. L’operazione Aruta deve essere inquadrata in contesto societario generale, in particolare ed in primis quello calcistico, perchè ritengo Aruta ancora un calciatore che in Prima Categoria può dare il suo consistente contributo, senza escludere il ritorno di immagine per il Grottaglie stesso. Stiamo lavorando per rendere la squadra ancora più competitiva di quanto già è, la stiamo puntellando li dove c’è la necessità per renderla completa e offrire a mister Orlandini il meglio. Ai tifosi dico di non preoccuparsi perchè il nostro sforzo, a prescindere dai nomi, è mirato al salto di categoria.”

Commenti

Coppa Puglia: Castellaneta, Manduria, San Marzano e Atletico Martina agli ottavi, il Grottaglie e’ fuori
Corim Città di Taranto, il regalo di Natale arriva in anticipo: prova gagliarda e col Conversano è 2-2