Taranto F.c. News

Picerno– Taranto: 0-0. Lucani in C, ionici aggrediti nell'intervallo da uno “steward”

A cura di Enrico Losito

18.04.2019 17:28

foto BLUNOTE.ITLa cronaca nera che si “mischia” allo sport in una giornata di festa per il icerno che conquista la promozione: nell'intervallo un “presunto” addetto alla sicurezza aggredisce e ferisce gli attaccanti ionici Croce e Favetta che non rientrano in campo per la ripresa. Nel parapiglia generale Croce reagisce e viene espulso dall'arbitro con il Taranto che gioca in inferiorità numerica per tutta la ripresa. Il resto è la cronaca di una gara tutto sommato gradevole con i pugliesi più vogliosi di conquistare la vittoria rispetto ad un Picerno accorto malgrado il palo colpito nel primo tempo da Kosovan. Il risultato di 0-0 premia i ragazzi di Giacomarro che possono festeggiare la promozione in serie C.

 

Cronaca. Il Taranto si schiera con il 4-4-2 con le pesanti assenze per infortunio nell'undici titolare di Esposito e D'Agostino, quest'ultimo finisce in panchina. I rossoblu si presentano con: Antonino in porta; in difesa Pelliccia, Lanzolla, Di Bari e Ferrara; a centrocampo Oggiano e Salatino sugli esterni con Marsili e Manzo centrali; in avanti il tandem Favetta-Croce. Dall'altra parte il Picerno si modula con il 3-5-2: in avanti Santaniello ed Esposito.

 

Il Picerno parte bene al 2': Santaniello per Esposito, il suo diagonale finisce al lato. Risponde il Taranto al 4': la punizione dai 30 metri di Marsili termina oltre la traversa. Al 16' i padroni di casa vicini al gol con Kosovan che colpisce il palo. Il Taranto è pericoloso alla mezz'ora: il diagonale di Oggiano viene repisnto dal portiere Coletta. Al 33' gli ionici protestano per un presunto atterramento di Oggiano in area lucana ma l'arbitro lascia proseguire. Per proteste dalla panchina del Taranto viene espulso Triuzzi, allenatore in seconda. Al 41' gli ospiti sfiorano la rete: Oggiano in area per Favetta che da posizione favorevole calcia oltre la traversa. Nei minuti di recupero i pugliesi pericolosi: Croce per Oggiano che dal limite impegna Coletta mentre, un minuto più tardi, sull'altro fronte Esposito chiama alla respinta Antonino. Le squadre vanno al riposo sullo 0-0 dopo un primo tempo sostanzialmente equilibrato.

 

Alla fine del primo tempo un individuo, probabilmente addetto alla sicurezza dello stadio, aggredisce alle spalle i calciatori ionici Favetta, Croce e Di Bari. La partita viene sospesa per 25 minuti e il Taranto rientra in campo senza Favetta e Manzo al loro posto Roberti e Massimo mentre gli ionici restano in dieci uomini per l'espulsione di Croce coinvolto nel parapiglia dell'intervallo. Al 6' gli ospiti pericolosi : Oggiano su punizione costringe Coletta a rifugiarsi in corner. Al 23' primo cambio per il Picerno: Sambou prende il posto di Langone. Al 26' il Picerno vicino al gol: al culmine di una ripartenza il diagonale di Kosovan finisce di poco al lato. Al 28' ci prova il Taranto: la conclusione di Massimo dal limite viene parato centralmente da Coletta. Secondo cambio per il Picerno: al 34' Ligorio per Impagliazzo mentre al 38' Fiumara avvicenda Caiazza. Ultimi cambi per i lucano: al 40' Tedesco per Esposito, al 44' Corso per Kosovan. Al 47' punizione da distanza siderale di Marsili, Coletta in tuffo devia in angolo. Finisce 0-0 con il Picerno che festeggia la promozione in C.

 

PICERNO (3-5-2): Coletta; Caiazza (38' s.t. Fiumara), Fontana, Impagliazzo (34' s.t. Ligorio); D'Alessandro, Langone (23' s.t. Sambou), Pittaresi, Kosovan (44' s.t. Corso), Vanacore ;Santaniello, Esposito (40' s.t. Tedesco) A disposizione: Fusco, Cesarano, Conte Camara. All. Giacomarro

 

TARANTO (4-4-2): Antonino; Pelliccia, Lanzolla, Di Bari, Ferrara; Oggiano, Marsili, Manzo (1' s.t. Massimo), Salatino; Favetta (1' s.t. Roberti) , Croce . A disposizione: Martinese, Carullo, Guadagno, Di Senso, Bonavolontà, Bova, D'Agostino. All. Panarelli.

 

Arbitro: Delrio di Reggio Emilia (ass.ti Agostino di Sesto San GiovanniGalimberti di Seregno)

 

Ammoniti: Vanacore, Esposito, Kosovan per il Picerno; Lanzolla, Croce, Pelliccia per il Taranto

 

Espulsi: Triuzzi (all. in 2^) e Croce per il Taranto

 

Angoli: 0-7

 

Spettatori: 1500 (150 ospiti)

 

 

 

Commenti

Nuoto: La Baux Mediterraneo continua a mietere successi
Il Taranto presenta ricorso e sbugiarda il Picerno: “Ecco com’è andata veramente”