Taranto F.c.

Ranko Lazic a TST: 'Riprendere a giocare sarebbe rischioso'

Il tecnico del Francavilla in Sinni: 'Il Taranto? Pensavo che ammazzava il campionato'

11.04.2020 19:43

E' uno degli allenatori più continui e preparati di questa serie D/H Ranko Lazic che giornalmente scrive la storia del suo Francavilla in Sinni, a commentare, a Tutto Sport Taranto, il momento difficile che sta vivendo il mondo: "E' un momento difficile per tutti, soprattutto per i medici e altre categorie che stanno combattendo giornalmente per salvare vite umane. Ovviamente, è difficile, ma noi addetti ai lavori dobbiamo pensare anche al calcio. Il nostro preparatore atletico ha mandato dei programmi ai calciatori con differenze per chi ha degli spazi maggiori e per chi si allena in una casa ubicata in un palazzo. Io ho una ciclette che utilizzo per tenermi in forma cercando di aggiornarmi su tutto giornalmente: la situazione, ancora, è delicata tanto che sono uscito una sola volta per fare la spesa".

LA RIPRESA: "Per quanto riguarda la serie D, la ripresa, la vedo quasi impossibile: un ragazzo contagiato contagerebbe tutti gli altri e, poi, in un paesino come il nostro rischierebbero tutti. Ancor più delicata è la situazione al nord in cui sono morte tante persone e le aziende devono riprendersi in ogni modo. Non credo che i vari presidente si prendano la responsabilità di far giocare i propri tesserati. Inoltre, non sapremmo nulla delle squadre avversarie e delle loro situazioni sanitarie. I tempi, poi, iniziano a stringersi e si potrebbe finire a luglio: di conseguenza non ci sarebbe tempo neanche per fare il mercato e organizzare la stagione 2020-21. Sarebbe giusto far salire le prime classificate e tenere in serissima considerazione le squadre che stanno immediatamente sotto. Al momento si deve pensare a salvare quante più vite umane possibili. So che il Presidente Sibilia vuole giocare: vedremo cosa decideranno".

IL CAMPIONATO: "Se, invece, si dovesse riprendere, in alta classifica sarà una bella battaglia con il Cerignola che non lo escluderei dalla corsa per il primato. Il Sorrento non ha nulla da perdere e sicuramente i giocatori giocherebbero le ultime gare con meno stress addosso rispetto ad altre formazioni. I gialloblù sono, sulla carta, i più forti. Sarà un bel testa a testa tra Bitonto e Foggia con Taranto e Casarano che lotteranno per il quinto posto. Nella parte bassa della graduatoria il mio Francavilla in Sinni aveva disputato tre ottime gare rientrando nella corsa per raggiungere i play out: le carte in regola le abbiamo anche perchè siamo riusciti a recuperare vari giocatori. Vediamo come eventualmente li ritroverò perchè giocare domenica-mercoledì-domenica sarebbe una novità: dovrebbero decidere le società assieme alla LND"

IL TARANTO: "Inizialmente pensavo dovesse ammazzare il campionato così come il Casarano. Ha trovato di fronte un Bitonto tosto e di categoria con Taurino che ha fatto un buon lavoro. Nel girone d'andata aveva un potenziale pazzesco per questo campionato. Il campo, però, ha detto il contrario. Poi, anche la sorpresa Sorrento ha detto la sua con Maiuri che ha fatto benissimo. Il Cerignola, invece, pur partendo in ritardo si era rilanciato: non ci voleva il ko di Vallo della Lucania. I gialloblù hanno investito più di tutti con calciatori come Sansone, Marotta, Longo, Coletti e Rodriguez. Le prime sei sono tutte fortissime con potenziali pazzeschi. Gli ionici, in questa seconda parte di stagione, hanno sfoltito la rosa: peccato perchè all'inizio sono stati condizionati, anche, da qualche squalifica e infortunio. La situazione la possono sapere soltanto Ragno e Panarelli".

Si ringraziano:

 

 

Commenti

Diavoli Rossi: Spina, 'Manca il campo ma questa società saprà ripartire al meglio'
Marti: «La verità del Comune sul Taranto Calcio»