Ippica

LO SPETTACOLO DEL GRAN PREMIO DUE MARI

TARANTO – IPPODROMO PAOLO VI Presentazione di domenica 29 luglio 2018

27.07.2018 15:15

L’evento più importante dell’ippodromo Paolo VI, come da tradizione, va in scena l’ultima domenica di luglio. Domenica 29 luglio alle 17.55 avrà inizio il convegno trottistico dedicato al Gran Premio Due Mari – Trofeo Donato Carelli, che in questa occasione sarà arricchito da dieci corse, fino alle 22.30 quando partirà la Tris/Quartè/Quintè.

Riflettori puntati chiaramente sul Due Mari, anche quest’anno Gruppo 1 con una dotazione di €. 110.000, che vedrà al via dodici concorrenti di ottimo livello. Tamure Roc ed Uragano Trebì per quanto fatto di recente partiranno con i favori del pronostico in una corsa che, tuttavia, è aperta anche ad altre soluzione. Per esempio Timone Ek, che se fosse nuovamente nella sua miglior versione sarebbe il cavallo da battere; oppure Superbo Capar che, così come Tamure Roc, si è già imposto nel Due Mari. Ma nemmenoTurno DI Azzurra parte del tutto battuto, mentre un inserimento è alla portata di SoniaTango Negro e Ribelle Op, per quanto riguarda la lotta alle piazze.

Il contorno non è da meno con diverse corse tutte da gustare e nobilitate dalla presenza dei top driver giunti a Taranto per disputare il Gran Premio.

Il programma sarà chiuso dalla TQQ, che vedrà al via quattordici cavalli di quattro anni alle prese sui 1600 metri. Vogue Di Poggio sarà certamente il soggetto con chances migliori, ma anche Vifil Di Meletro e Vittoria Gar hanno le carte in regola per ben figurare. Victor AlterVagabondo GhibiVolpoca Jet e Violet Trebì sono altri nomi da non escludere totalmente.

Ingresso libero e gratuito per tutti.

I NOSTRI FAVORITI: prima 6-7-5, seconda 3-5-10, terza 4-13-7, quarta 6-3-1, quinta 1-7-11, sesta 6-10-3, settima 9-10-11, ottava 5-2-1, nona 4-1-5, decima 10-4-3.

Omar Tufano

 

 

https://www.guidapsicologi.it/studio/drssa-daniela-anedda

Commenti

I Tritons pensano al futuro però pesa l’incertezza diamante
Il Taranto ufficializza Guadagno: la carriera del centrocampista che ha già vestito i colori azzurri