L'editoriale di Tst

Taranto: il futuro potrebbe parlare indiano

a cura di Luca Chianura

15.05.2017 00:05

La prima domenica senza calcio giocato è volata via attendendo la conferenza stampa del Taranto FC 1927 prevista nei primi giorni della prossima settimana, recriminando per la sconcertante retrocessione della squadra rossoblù in Serie D e sfogliando la margherita.

Il Presidente Dott.ssa Elisabetta Zelatore ed il suo vice Avv.Tonio Bongiovanni continueranno a reggere le sorti della società o la cederanno ad acquirenti affidabili, solvibili e preparati, per evitare le pesanti contestazioni e le annunciate diserzioni del popolo rossoblù? Come recita un vecchio adagio sempre attuale, il tempo è galantuomo.

Il tempo sarà fondamentale e risicato per rispondere alle domande che si pongono legittimamente la città e la tifoseria, costrette nuovamente a calcare palcoscenici calcistici avvilenti e deprimenti. In questi giorni circolano insistentemente le voci riguardanti cordate interessate ad acquistare il Taranto.

Sette giorni fa aveva aperto le danze la manifestazione di interesse inoltrata tramite PEC da imprenditori romani rappresentati dall'Avv.Luca Tilia, dal Dott.Nino Petrosino e da Giuseppe Milone. La dirigenza di Via Minniti ha declinato la proposta ritenendola non interessante.

Giovedì si sono affacciati sulla scena imprenditori tarantini vicini al Geom. Antonio Marinaro Presidente dell'ANCE Taranto, ma ora si parla di un socio forte disposto ad affiancare Elisabetta Zelatore e Tonio Bongiovanni. I rumors delle ultime ore conducono a Mino Distante editore di Canale 85 Media Partner del Taranto FC 1927 ed Antenna Sud.

L'ex presidente Gigi Blasi al momento non è intenzionato a ritornare al timone del Taranto.Gli attriti con una parte dei tifosi, la città e le istituzioni sono ferite difficili da rimarginare.

Il sodalizio rossoblù fa anche gola al colosso siderurgico indiano Mittal in lizza con Arvedi per l'acquisto dello stabilimento ILVA di Taranto. Il rilancio del calcio tarantino non può prescindere dalla programmazione, dalla pianificazione,dall'organizzazione, dalla concretezza, dalla competenza, dalla presenza di dirigenti esperti e dotati di elevato peso politico a livello romano-federale e capace di confrontarsi con il popolo rossoblù.

Alle comparse, con tutto il rispetto, lasciamo la disorganizzazione, l'improvvisazione, la lentezza,l'inefficienza e le perdite di tempo.

Lutto nel mondo del giornalismo.Ieri sera si è spento a Roma, dopo una beve malattia,Oliviero Beha giornalista scomodo e controcorrente, scrittore,saggista e conduttore televisivo e radiofonico.Aveva 68 anni e lascia la moglie e tre figli. La redazione di Tuttosporttaranto,formula le più sentite condoglianze alla Famiglia Beha.

Commenti

VIDEO / Luigi Merico campione dal cuore d'oro: "Dedico la vittoria a mio nonno che non c'è più"
VIDEO / Causi: "Luigi Merico merita il titolo italiano"