Settori Giovanili

Gatto: "Allenamenti con distanziamento? I ragazzi imparano divertendosi"

Il direttore generale della Virtus Tarentum Academy: "Felice della risposta dei ragazzi, che non saltano un allenamento: le loro famiglie si fidano di noi. Lo sport serve per vivere, crescere ed educare: anche in questo momento così delicato"

15.11.2020 16:26

Il direttore generale della Virtus Tarentum Academy Massimo GattoLa Virtus Tarentum Academy continua, nel pieno rispetto delle normative anticovid, nel percorso formativo per i suoi tesserati.

Gli allenamenti individuali si sono rivelati più fruttuosi di quanto inizialmente preventivato e per tecnici e atleti, dopo un iniziale periodo di adattamento, si stanno rivelando un'opportunità di crescita, in vista di tempi migliori.

"I ragazzi imparano divertendosi - commenta il direttore generale Massimo Gatto - con dei focus atletici e sulla tecnica individuale che probabilmente in altri tempi avremmo messo in secondo piano. Noi siamo molto rigidi nel rispetto del distanziamento ed è inevitabile che la preparazione per un allenamento sia molto diversa da prima, anche per noi dirigenti. Ma la risposta da parte dei ragazzi è stata positiva: non saltano una seduta, le loro famiglie si fidano e si creato un equilibrio importante".

Il direttore è entrato nel mondo Virtus Tarentum prima da genitore per poi, due anni fa, assumere un ruolo dirigenziale: "Probabilmente mi sono trovato nel peggior periodo possibile per il mondo delle scuole calcio, ma ciò che sta accadendo mi sta insegnando che da genitore si commettono tanti errori: sarebbe utile per tutti stare, almeno per un giorno, dall'altra parte, per capire cosa è meglio per i propri figli".

Una chiusura sui provvedimenti attuali e su quanto potrebbe accadere nei prossimi giorni: "Bisogna continuare a fare attività sportiva, perché lo sport serve a vivere, crescere ed educare. Speriamo che l'emergenza sanitaria passi il prima possibile per abbracciarci come facevamo prima".

 

 

Commenti

Covid in Italia già da settembre 2019, lo dice uno studio dell'Istituto dei tumori di Milano
Super Pilato, nuovo record italiano nei 100 rana