Taranto F.c. News

Potenza – Taranto: 3-1. Gli ionici incassano nel primo tempo, tardiva reazione nella ripresa

I lucani calano il tris nel primo tempo, generosa reazione degli ionici nella ripresa che siglano la rete della bandiera con Diakitè

29.04.2018 18:58

 

Gli ionici perdono 3-1 contro il Potenza che festeggia la promozione in serie C. I lucani incanalano la gara nel primo tempo andando al riposo sul 3-0. Generosa la reazione tarantina nella ripresa che frutta la rete di Diakitè a due minuti dal fischio finale.

 

Cronaca. Il Taranto torna all'assetto 4-2-3-1 : in difesa torna Miale, mentre in avanti mister Cazzarò rispolvera Palumbo al posto di Lorefice. Dall'altra parte mister Ragno schiera i suoi con il consueto 3-5-2 con la coppia d'attacco Silari-Franca.

 

Dopo le prime fasi di studio è il Taranto a rendersi pericoloso: al 10' il destro da fuori area di Marsili trova pronto Breza a smanacciare in corner. Al 12' il Potenza passa in vantaggio: angolo di Esposito con la sfera che giunge in area tra Russo e Corbier con quest'ultimo che infila la propria rete per 1-0 dei lucani. Il Taranto reagisce al 14' Marsili tenta la soluzione direttamente dal calcio d'angolo: Breza respinge di pugno. Il Potenza sfiora il raddoppio: al 17' Guadalupi in area ionica calcia di destro con la sfera che sorvola la traversa. Al 19' i lucani raddoppiano il diagonale di Guaita, sporcato da Cacciola, si infila alla destra del portiere Pellegrino. Al 27' jonici pericolosi: Marsili batte una punizione in area per il colpo di testa di miale, Breza para in due tempi. Al 34' i padroni di casa calano il tris: Siclari serve Franca che con un diagonale di sinistro batte Pellegrino. Al 40' primo cambio della gara: nel Taranto Li Gotti avvicenda Cacciola. Le squadre vanno al riposo con il 3-0 dei padroni di casa.

 

Il Taranto parte bene nella ripresa: al 2' il sinistro di D'Agostino chiama all'intervento Breza che devia sulla traversa; mentre al 8' al destro di Favetta si oppone nuovamente l'estremo dei lucani. Al 9' cambio per gli ionici: Diakitè avvicenda Favetta. Al 11' D'Agosatino calcia dal limite, Breza respinge. Al 12' sostituzione per il Potenza: entra Pepe, esce Guadalupi. AL 17' nelle fila ioniche: Ancora cede il posto a Capua. Al 24' doppia occasione per gli ospiti: Favetta appoggia a Diakitè che in mezza girata chiama all'intervento Breza, sulla respinta di quest'ultimo interviene Palumbo al quale si oppone nuovamente l'estremo dei lucani. Al 26' nuovo cambio per gli ionici: Portoghese avvicenda Palumbo. Si rivede il Potenza al 27': il portiere Pellegrino vola a deviare un diagonale teso di Esposito. Doppio cambio per i padroni di casa: al 30' Guaita e Franca cedeno il posto a Coccia e Di Senso. Al 35' altro cambio nelle fila lucane: esce Esposito, entra Diop. Al 43' il Taranto accorcia le distanze con un destro teso di Diakitè. Nei minuti di recupero il Potenza va vicino alla quarta rete: la conclusione di Coccia trova la respinta di Pellegrino, sulla palla si fionda Siclari che colpisce il palo a portiere battuto. Finisce 3-1 per il Potenza.

 

POTENZA (4-3-3): Breza; Di Somma, Russo, Bertolo; Guaita (30' s.t. Coccia), Coppola, Esposito (35' s.t. Diop), Guadalupi (12' s.t. Pepe), Panico; Siclari, Franca (30' s.t. Di Senso). A disposizione: Mazzoleni, Biancola, Sicignano, Ungaro, Vaccaro. All. Ragno

 

TARANTO (4-2-3-1): Pellegrino; Corbier, D'angelo, Miale, Cacciola (40' p.t. Li Gotti; Marsili, Galdean (9' s.t. Diakitè) Palumbo (26' s.t. Portoghese), D'Agostino, Ancora (17' s.t. Capua); Favetta. A disposizione: Pizzaleo, Giannotta, Gori, Bilotta, Giorgio. All. Cazzarò

 

Arbitro: Rapece di Perugia (ass.ti Baldissin di Novi Ligure – Gavazza di Chiavari)

 

Marcatori: 12' p.t. (aut) Corbier (P), 19' p.t. (aut.) Cacciola (P), 34' p.t. Franca (P); 43' s.t. Diakitè (T)

 

Ammoniti: Guadalupi per il Potenza; Cacciola per il Taranto

 

Angoli: 2-6

 

Spettatori: 8.000 ca. (vietata la trasferta ai tifosi ospiti)

 

Commenti

Cardolini Rizzo non basta, Corim Città di Taranto ko di misura a Palermo
Italcave Real Statte, 0-0 contro Rambla. Ai quarti scudetto c'è il Montesilvano