Taranto F.c.

Luca Evangelisti a TST: 'La serie A dovrebbe aiutare la C e la D'

L'ex rossoblù sul Taranto: 'Riprogrammare per la prossima stagione e sperare di raggiungere l'obiettivo'

17.04.2020 20:47

DI ALESSIO PETRALLA

Con il Taranto ha vinto sia da calciatore che da ds Luca Evangelisti che, a Tutto Sport Taranto, analizza questo delicato momento della storia dell'Italia, del mondo e perchè no anche dello sport: "In questo momento il virus è riuscito a stroncare vite umane e a creare problemi nell'economia. Ovviamente, non si sa quando si potrà ripartire. Secondo me, la serie A dovrebbe e potrebbe fare una donazione alla C e alla D visto che in queste ultime due categorie i calciatori prendono molto meno: serve solidarietà e se ciò dovesse accadere sarebbe una gran cosa".

I CAMPIONATI: "Siamo tutti a casa e progettare il futuro è difficile. La serie A dovrà finire ma per quanto riguarda le altre categorie la vedo non facile per via di soldi e strutture. Nella massima serie c'è la possibilità di restare in ritiro e fare assidui controlli oltre che, ovviamente, giocare a porte chiuse: in poche parole si gioca e si torna subito in ritiro monitorando ogni singolo addetto ai lavori. Bisognerà compiere due mesi di sacrifici".

LA RIPRESA: "A prescindere dal vaccino, al momento bisogna e bisognerà convivere con questo virus. A settembre quando riprenderanno i dilettanti e le giovanili bisognerà trovare delle soluzioni: per questo sarà importante lavorare già in queste settimane. La scuola si può riprendere anche attraverso video chat ma lo sport no. Comunque da qui a settembre il temp c'è. Non capisco come gli scienziati, a livello mondiale, si siano fatti sorprendere. La salute resta sempre e comunque la prima cosa. Complimenti agli italiani visto che almeno il 95% di loro si sta comportando molto bene".

EVENTUALE RIFORMA: "La serie D non dovrebbe ripartire: ciò creerebbe problemi a chi stava lottando per la vittoria finale. Nel girone H qualcuno ha fallito ed è chiamato a programmare la prossima stagione a prescindere dall'eventuale riforma dei campionati. C'è bisogno di una serie C elite con parametri ben delineati e una sorta di serie C2. Nell'attuale terza serie vedo impossibile ripartire con sessanta squadre visto che ci saranno vari fallimenti".

IL TARANTO: "Anche quest'anno, sulla carta, si era programmato per c'entrare un obiettivo importante: si era costruita una rosa valida. Ora, bisogna riprogrammare per il prossimo anno sperando di raggiungere il traguardo sperato".

Si ringraziano:

 

 

Commenti

Coronavirus: Borrelli, 'Conferenza stampa sui dati solo due volte a settimana'
Corim Città di Taranto, Mister Liotino: chiudere qui la stagione sarebbe una decisione matura!