Taranto F.c. News

"Per vincere a Cava ci vuole un po’ di follia"

di Massimiliano Fina

17.05.2018 17:58

In vista della partita più importante della stagione contro la Cavese, quest'oggi durante la conferenza stampa, l'attaccante Cristiano Ancora e il mister Michele Cazzaró sono intervenuti ai microfoni: ecco le loro dichiarazioni. Il Taranto disputerà la finale play-off a Cava senza il sostegno dei propri tifosi.

Cazzaró: “Nessuno considerava l’Altamura una grande squadra, queste partite hanno una storia a sè e non hanno nulla a che vedere con il campionato, devono essere giocate con la testa giusta e con la massima concentrazione. Ad Altamura abbiamo giocato con il 4-3-1-2, ho cambiato per l’esigenza della partita e con la Cavese potrei adattarmi in base al loro modo di giocare. A Potenza il solito 4-2-3-1 non aveva portato buoni risultati, anche per questo ho effettuato delle modifiche. Dobbiamo giocare la finale senza ansia, con tanto coraggio come con l’Altamura e con tanta follia, perchè per vincere a Cava ci vuole un po’ di follia. Infortuni? Stanno tutti bene, solo Miale sta cercando di smaltire la botta. Purtroppo senza tifosi ci ritroveremo a Cava da soli: chi vieta le trasferte probabilmente non ha mai giocato a calcio, perchè ogni squadra ha bisogno dei propri sostenitori. La Cavese è secondo me la squadra più forte del campionato, giocano a calcio sia in casa che fuori e secondo me sarà una partita a viso aperto”.

Ancora: “Non è un fastidio giocare due gare fuori casa, sarebbe stato meglio giocare allo Iacovone, ma la classifica ha detto questo e dobbiamo dimostrare di poter vincere anche a Cava. Queste gare si vincono con coraggio e personalità, ad Altamura non abbiamo fatto la nostra miglior partita se parliamo di giocate, ma sapevamo che dovevamo fare una prestazione del genere per vincere su quel campo. Ci siamo sacrificati tantissimo, rinunciando anche a qualche giocata in più come ha detto il mister e abbiamo avuto ragione. Penso che il doppio risultato possa essere un’arma a doppio taglio, anche l’Altamura poteva pareggiare, ma con il nostro gol è cambiato tutto. Abbiamo 120 minuti a disposizione e stiamo bene fisicamente, i nostri tifosi meritano di vincere questi play-off. Sappiamo che dobbiamo vincere e non dobbiamo farlo al primo minuto, bisogna lottare tutta la gara e l’occasione per segnare arriverà. L’assenza dei tifosi? Abbiamo un motivo in più per fare bene, non c’è la nostra gente ma noi vogliamo tornare da Cava vittoriosi. Siamo cambiati molto dalla sfida d'andata contro di loro. Non mi era mai successo di avere così tanta voglia di andare allo stadio per allenarmi, si è creato un gruppo davvero importante”.

 

Commenti

Grandi nomi al Premio Apulia Voice 2018
I Giovani Rossoblu hanno il loro preparatore atletico: firma Giovanni Scognamiglio