Tst Eventi

I Figli di Troll tornano in scena

Il trio cabarettistico tarantino ripartirà il 21 giugno a Giovinazzo (Bari)

11.06.2020 23:53

I Figli di Troll, trio cabarettistico tarantino, formato dai tre attori comici Antonello Conte, Ubaldo Sgura e Giuseppe Nardone, torna finalmente ad esibirsi il 21 giugno a Corte Meraviglia, Giovinazzo (Ba). Il trio si è formato dall’incontro dei tre, amici prima ancora che colleghi, che hanno deciso di unire la loro passione per il teatro e la loro professionalità, mettendo in gioco le proprie formazioni accademiche e le rispettive esperienze, per ripercorrere insieme una comicità originale, che parte dalla commedia all’italiana dei primi del ‘900, passando da Franco e Ciccio, fino ad arrivare ai più recenti Ale & Franz, senza dimenticare freschi sketch inediti. Una formula risultata vincente, tanto da portarli a calcare palchi di diversi teatri, sull’intero territorio nazionale ed ad essere apprezzati dalle giurie di programmi comici televisivi nazionali molto amati dal pubblico, come ad esempio Made in Sud, ultimo casting fatto, pochi giorni prima della quarantena, a Napoli. Per questo motivo la data di domenica 21 giugno rappresenta una buona notizia, che allieta non solo i fan dei Figli di Troll, ma anche chi sostiene il teatro locale, soprattutto visto il lungo periodo della quarantena, nel quale molti spettacoli nell’agenda di tantissimi artisti, tra cui i Figli di Troll, sono stati cancellati e rimandati a data da destinarsi, per contenere la diffusione del contagio da Covid – 19. Il 17 maggio scorso, però un DPCM rasserenava il mondo dello spettacolo, dichiarando che gli spettacoli teatrali potranno riprendere dal 15 giugno 2020, nel rispetto delle disposizioni previste dall'allegato 9 del suddetto Decreto. Per maggiori informazioni sullo spettacolo e sulle prossime date dei Figli di Troll, si può consultare il profilo facebook, all’indirizzo https://www.facebook.com/figliditrolltaranto/

Commenti

Badminton.News, una nuova testata giornalistica al servizio di uno sport che vuole crescere
Fondazione Taras: "Nessun alibi. L'identità non ha prezzo"