Calcio a 5 Femminile

Futsal F: Italcave, un errore condanna le rossoblù. La Ternana passa al Curtivecchi

25.04.2019 21:31

Ancora una buona prestazione che vien inficiata da un errore. L'Italcave Real Statte perde per 2-1 con la Ternana ma ritrova Giuliano. La numero 8 viene inserita a sorpresa da parte del trainer ionico. Italcave che parte con Margarito, Pereira, Belam, Violi, Mansueto. Le umbre giocano con Salinetti, Tampa, Bettioli, Vanessa, Lucileila. Prima fase di studio con la Ternana che ha più possesso palla e Statte che gioca di rimessa. La prima occasione arriva per le ospiti al nono: Bettioli e Amanda costruiscono la prima vera occasione sventata da Margarito. Risposta delle ioniche pochi secondi dopo con Marangione, bordata dalla sinistra deviazione della difesa ospite. Passano due giri di lancette e Bettioli impegna di piede l'estremo stattese. Al dodicesimo Giuliano entra, riesce il sombrero e si presenta davanti a Salinetti, miracoloso l'intervento di piede del portiere umbro. Ancora Italcave con Mansueto, tiro forte e rasoterra da posizione centrale, Salinetti para facile. Al diciottesimo assolo di Belam dalla sinistra, Marangione non riesce ad arrivare sul secondo palo. Prosegue l'azione e Violi fa fare gli straordinari a Salinetti che devia sulla destra in corner. La Ternana prova il forcing finale: Amanda a pochi centimetri da Margarito che respinge in uscita. Ripresa e la Ternana passa dopo due minuti: tiro dalla sinistra di Tampa, deviazione sul palo di Margarito che non riesce a salvare. Immediato il pari delle ioniche: su rimessa laterale bordata dall'altezza del tiro libero di Pereira, palla che bacia il palo interno alla destra di Salinetti e insacca. La Ternana ricomincia ad attaccare con Vanessa che impegna Margarito di piede. Risposta Statte con Belam: tiro su schema di punizione dal limite e palo esterno alla sinistra di Salinetti. Ma un altro legno viene colpito pochi istanti dopo da Tampa su deviazione di Margarito e sfera poi in corner. A metà frazione il gol partita: Italcave che perde palla in attacco e contropiede umbro in 3 contro 2, Vanessa centralmente facile insacca. Le ospiti provano a chiudere la gara con Lucileila e in due occasioni il portiere dello Statte chiude lo specchio. Al quindicesimo si rivedono le pugliesi con Marangione, tiro dalla sinistra col suo piede preferito, pallone che quasi si insacca nel sette alla sinistra di Salinetti. Passa un minuto e Belam, su rimessa laterale, tira forte verso la porta della Ternana con il portiere ospite che mette d'istinto sopra la traversa. Marzella mette a quattro dalla fine Mansueto portiere di movimento e all'ultimo secondo, su calcio d'angolo, Marangione tocca da distanza ravvicinata e colpisce il palo. Questo il commento di Tony Marzella al termine della partita. "Nel complesso è stata una bella partita con due squadre d'alta classifica che hanno giocato in maniera tirata. Noi abbiamo fatto una gara di contenimento e ben giocata, ho visto un gruppo concentrato che ha dato tutto. Probabilmente il pari sarebbe stato più giusto ma non pensiamo a recriminare. Guardiamo quel che è stato di buono, ossia la prestazione e aver mantenuto il campo per tutti i 40 minuti. In questo momento della stagione serve tanto esser concentrati mentalmente ma anche esser su pezzo fisicamente in prospettiva playoff".

 

TABELLINO

ITALCAVE REAL STATTE-TERNANA 1-2 (0-0 p.t.)

MARCATRICI: 2'29'' s.t. Tampa (T), 2'58'' Pereira (S), 10'34'' Vanessa (T)

ITALCAVE REAL STATTE: Margarito, Belam, Pereira, Violi, Mansueto, Russo, Protopapa, Ion, Giuliano, Marangione, Girardi, Gallo. All. Marzella

TERNANA: Salinetti, Tampa, Vanessa, Lucileia, Bettioli, Libera, Neka, Bordacchini, Donati, Lorenzoni, De Souza, Trumino. All. D'Orto

AMMONITE: De Souza (T), Bettioli (T), Giuliano (S), Pereira (S)

ARBITRI: Michele Iannone (Nocera Inferiore), Antonio Marino (Agropoli) CRONO: Vincenzo Buzzacchino (Taranto)

Commenti

Futsal M: Bernalda, Del Ferraro 'niente calcoli, c'è la promozione da conquistare'
Al Trofeo dalle Gravine al Mare vincono Giuseppe Mele e Marisa Russo