Promozione Pugliese

Promozione: Talsano superlativo, bene il Martina, male Ginosa e Lizzano

a cura di Fabrizio Izzo

15.10.2018 14:58

Immagine ZaccagniDerby combattuto a tratti spigoloso tra Lizzano e Talsano sul neutro di Maruggio. Il Talsano, sornione e cinico, si porta a casa tre punti d’oro e si piazza al secondo posto in classifica a tre lunghezze dalla capolista Ugento. Il Lizzano perde la terza partita consecutiva in casa e affonda all’ultimo posto. Per i rossoblu prosegue la maledizione delle gare casalinghe ma probabilmente c’è altro. I padroni di casa non sono partiti male hanno cercato la via del goal ma senza trovarla. Il Talsano, attendista, ha rintuzzato colpo su colpo e ha trovato la rete del vantaggio allo scadere della prima frazione con Diatta. Nella ripresa i lizzanesi provano a trovare la strada del pareggio ma senza riuscirci, l’occasione più ghiotta capita al 79’ sui piedi di Beltrame che si vede respingere un calcio di rigore dal portiere avversario e sulla ribattuta è il palo a fermare l’attaccante rossoblu. Sfortunato il Lizzano che in pieno recupero subisce il raddoppio talsanese con Peluso in una azione di contropiede. Talsano in estasi, sorprendentemente imbattuto e secondo in graduatoria. Il Lizzano riscopre l’ultima posizione, non succedeva dal campionato 2015/16, e deve guardarsi dentro perche il momento è di quelli difficili.

Abbiamo posto alcune domande a mister Frascella allenatore del Talsano, Queste le sue risposte:

D) Talsano secondo in classifica e imbattuto, qual’è il segreto?

R) In questo momento ci può fare solo piacere questa classifica e siamo contenti di essere ancora imbattuti. Il segreto è lavorarci su, i ragazzi ci stanno mettendo l’anima. Ci siamo prefissati un obiettivo, ma sappiamo già che arriveranno dei momenti no. Per ora ci godiamo il momento.

D) Obiettivo iniziale la salvezza, oggi cosa è cambiato?

R) Non è cambiato nulla. L’obiettivo rimane quello di una tranquilla salvezza cercando di non passare dai play out. Si vive domenica per domenica.

D) Quanto è bravo mister Frascella, quanto c’è di suo in questa squadra?

R) Prima di parlare di me,bisognerebbe parlare dei ragazzi... un mix perfetto di senior e under,a questo gruppo si aggiunge il mio carattere e la  mia esperienza in questi campionati! Il valore aggiunto di questa squadra non sono io,ma il gruppo

 

Il Martina batte la Rutiglianese 4 a 1 e mantiene il secondo posto in classifica conservando i cinque punti di distacco dal formidabile San Marco, a punteggio pieno. Gap che potrebbe assottigliarsi a sole due lunghezze se dovessero arrivare i tre punti d’ufficio dopo gli eventi di domenica scorsa al Sante Diomede di Bari contro la Vigor Liberty. Tutto abbastanza semplice per i padroni di casa che al Tursi, davanti al proprio pubblico, si sbarazzano dei grifoni di Rutigliano. Una buona prova dei ragazzi di Marasciulo che passano in vantaggio con un incornata di Amoruso al 27° del primo tempo sugli sviluppi di un calcio ‘angolo. La Rutiglianese reagisce immediatamente e raggiunge il pari con Lofano appena tre minuti dopo. Il Martina accusa il colpo e stenta un po’, fino al 44’ quando Amodio trasforma il penalty del liberatorio raddoppio. Nella ripresa un Martina dalla mente libera e più vispo affonda gli avversari con altre due reti, al 67’ Amoruso fotocopia la prima marcatura e triplica mentre allo scadere Laguardia chiude i conti con un diagonale. Martinesi alla quarta vittoria in sei giornate, imbattuti e una gara da recuperare, un trend ottimo e invidiabile che farebbe dormire tra due guanciali chiunque tranne il presidente Lacarbonara che invece riferisce di notevoli difficoltà logistiche (utilizzo del Tursi) con la squadra costretta ad allenarsi su terreni diversi; la mancata vicinanza dell’imprenditoria locale che solo in piccola parte ha appoggiato il progetto e il poco interesse dei media nei confronti di una realtà calcistica di oltre 70 anni.

Il Ginosa torna a casa dopo un sonante sconfitta in terra foggiana. I tarantini subiscono una squillante cinquina ad opera dello Sporting Donia che invece mette in cascina la quarta vittoria consecutiva scavalcando proprio i ginosini. Primo tempo sostanzialmente equilibrato con il Ginosa che si è fatto preferire dal punto di vista della manovra al cospetto di una avversario pungente ed estemporaneo. Vantaggio ospite al 33’ con il solito Musa, imbeccato da Graziadei, abile a battere il portiere avversario con un bel diagonale. Nella ripresa succede quel che non ti aspetti, il Ginosa si assenta mentalmente dal terreno di gioco e si lascia schiaffeggiare dagli avversari. Lo Sporting entra in campo deciso e già nei primi 10 minuti capovolge il risultato, al 47’ pareggia con D’Introno e al 56’ completa il sorpasso con Santolupo. Il Ginosa sbanda e non ha la forza di rimettersi in carreggiata, i foggiani sulle ali dell’entusiasmo affondano i colpi e triplicano ancora con D’Introno al 66’, fanno il quarto con Sylla al 76’ e completano la manita con Curci in pieno recupero. Ginosa che perde un’occasione per mantenersi nella scia delle prime e conferma una certa inconsistenza nella seconda parte delle gare, episodio già successo domenica scorsa in casa quando, in vantaggio di tre reti nel primo tempo, ha rischiato la rimonta degli avversari nella ripresa.

Commenti

Corsi di risveglio muscolare a Grottaglie con Edjekpan
Rospetto Castellaneta non pervenuta ad Ostuni