Fuori dal Campo

Il sindaco Rinaldo Melucci al Domusforum 2020

03.11.2020 11:40

Come cambierà l’idea di città, e quindi di società globale, dopo la pandemia? È questo l’interrogativo cruciale che anima la terza edizione di Domusforum – the future of cities, in programma il prossimo 4 novembre a Milano sala Cavallerizze del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci e trasmesso in live streaming sulle piattaforme di Domus.  L’indagine di Domusforum parte quest’anno da dieci parole chiave, dieci punti di riferimento necessari a tracciare una mappa di senso per l’orizzonte confuso di oggi: complexity, net, education, freedom, sustainability, fragility, space, resilience, solidarity, vision.

Per la prima volta nella sua storia l’umanità si trova nella condizione di riorganizzare, rapidamente e su scala globale, la maniera in cui abita il pianeta, in primis i centri urbani.

Più che mai la cultura del progetto sarà al centro di Domusforum 2020. Grandi protagonisti dell’architettura internazionale cercheranno, ciascuno interpretando una o più parole d’ordine, di rispondere a quesiti che riguardano la sfera dell’abitare domestico, dello spazio pubblico urbano, del lavoro e delle filiere di produzione, della mobilità e della sanità.

L’elenco degli spazi da rinnovare, riadattare, ripensare è infinito e l’impresa richiede uno sforzo multidisciplinare: per questa ragione le dieci parole d’ordine di Domusforum 2020 si apriranno anche all’interpretazione di esponenti delle istituzioni, dell’economia e della finanza, delle scienze sociali e dell’impresa. Alla ricerca di una sintesi che possa essere il punto di partenza per produrre una società più giusta, sicura, inclusiva e praticabile e perciò, auspicabilmente, migliore.

Concepito nel 2018 come sviluppo del sistema Domus, Domusforum – the future of cities ha visto nel corso delle prime due edizioni la partecipazione di relatori illustri. La città di Taranto sta ripensando in maniera sistemica al proprio futuro attraverso l'azione dell'amministrazione comunale che ha lanciato il Piano strategico di Transizione Economica, Ecologica ed Energetica "Ecosistema Taranto", per imprimere una decisa svolta allo sviluppo industriale, urbanistico e culturale di tutto il territorio con l'obiettivo dei Target dell'agenda Onu sullo Sviluppo sostenibile 2030. Questa inversione di rotta rispetto al passato, che sempre più si sta concretizzando attraverso programmazioni, azioni e progetti in corso in questi anni, sta destando l'interesse di stakeholders internazionali, degli studiosi e del mondo dell'economia e della cultura.

Per questo motivo il sindaco Rinaldo Melucci è stato invitato tra gli illustri relatori del Domusforum 2020 per portare il virtuoso esempio di Taranto come "laboratorio urbano" sui processi di trasformazione e rigenerazione dei luoghi, nell'ottica della resilienza e sostenibilità. Un percorso appena iniziato, che promette di cambiare per sempre il futuro della città.

Il forum è aperto a tutti, previa registrazione a questo link https://www.domusweb.it/.../domusforum-2020--dieci-parole....

Commenti

Maradona ricoverato a La Plata
Imprese e sviluppo, confronto tra l'assessore Manzulli e Casartigiani