Ippica

TUTTO FACILE PER ZINGARO DEI RUM

TARANTO – IPPODROMO PAOLO VI Resoconto di lunedì 15 ottobre 2018

16.10.2018 23:20

Clou del convegno un confronto sul miglio per i tre anni che sembrava una storia circoscritta a Zip A Dee Doo e Zingaro Dei Rum, i soggetti più qualitativi della corsa.

Il match, però, durava pochi metri in quanto Zip A Dee Doo sbagliava allo stacco della macchina, lasciando via libera a Zingaro Dei Rum, interpretato da Gaetano Di Nardo in sostituzione di Cosimo Fiore, che si portava al comando e gestiva al meglio tatticamente per un giro, seguito da Zoff Degli Ulivi. In retta d’arrivo Zoff provava ad attaccare Zingaro Dei Rum, il quale ben sollecitato dal proprio interprete, sfuggiva senza eccessiva problemi siglando il tutto a media di 1.14.3. Alle loro spalle Zaahia Font precedeva Zlatan Op per la terza moneta.

Erano due le corse per i puledri, entrambe in apertura di convegno. Nella prima Amalfi Jet, guidato da Marcello Mangiapane, metteva assieme una prestazione esaltante completata a media di 1.15.1, lasciando Aurea Wise L al secondo posto. Nella seconda, invece, il successo andava ad Azkaban Font, con Giuseppe Messineo, che di spunto batteva Armbro Duke, rifinendo il tutto in 1.17.6.

Nella prova riservata ai gentlemen Terbio, con Cosimo Brigante, risolveva la partita dopo 400 metri sfilando su Silva Pf e respingendola con sicurezza sino al traguardo. Il figlio di Varenne concludeva il miglio in 1.14.4.

Due facili successi anche di Urban Cowboy Lg e Seven Eleven Pink. Il primo, affidato a Giuseppe De Filippis, nella reclamare sul miglio grazie ad un percorso tattico completato in 1.15.2; il secondo, invece, in costruzione, con Carlo Massimo Palo in sulky, che superava Rosenduft Hbd e ne conteneva il ritorno nei metri finali, chiudendo da 1.15.3.

La vittoria a sorpresa, invece, arrivava per Uffizi Cla ed Utopico Wise L, chiaramente con merito anche per quanto fatto in pista. Uffizi Cla, dopo essere rimasto alla finestra scattava ai 600 finali al largo di tutti, rimontava i rivali e centrava il bersaglio grosso al nuovo record di 1.13.5 con Francesco Fiore in cabina di regia. Utopico Wise L, affidato a Romano Tamburrano, seguiva la scatenata Ritaritz, la quale decideva di provarci da leader ad alta andatura. Utopico, però, la rimontava e superava già a 200 dal traguardo sfuggendo facilmente e concludendo da 1.13.8.

 

Omar Tufano

Commenti

Pallacanestro - Gran Galà dell'Umbria, terzo posto per la Puglia
Rospetto Castellaneta non pervenuta ad Ostuni