Fuori dal Campo

Comune di Taranto: Ecco i nuovi divieti (dal 13 novembre al 3 dicembre)

12.11.2020 17:03

A far data da venerdì 13 novembre e fino a tutto il 03 dicembre 2020 l’osservanza delle seguenti disposizioni:

- La chiusura di parchi e giardini pubblici, nonché della passeggiata a mare ubicata sul Lungomare Vittorio Emanuele III, fatta salva la garanzia di consentire l’accesso alle attività commerciali in essi contenute secondo quanto disciplinato dal vigente DPCM in materia;

- Il divieto di permanenza in pinete, spiagge, arenili e scogliere intesi come luoghi di aggregazione; restano esclusivamente consentiti il transito e l’attività sportiva di transito e non stazionaria secondo quanto disciplinato dal vigente DPCM in materia;

- La sospensione, dalle ore 18.00 alle ore 05.00 del giorno seguente, di tutte le attività professionali, ad esclusione di quelle sanitarie e parasanitarie;

- La chiusura, dalle ore 18.00 alle ore 05.00 del giorno seguente, di tutte le attività artigianali e commerciali, ad esclusione del settore alimentare, di tabacchi, farmacie, parafarmacie e carburanti. Resta consentita la possibilità di orario continuato entro la fascia autorizzata all’apertura;

- La chiusura, dalle ore 18.00 alle ore 05.00 del giorno seguente, di tutti i distributori automatici di alimenti e bevande presenti sul territorio comunale, fatta eccezione per le c.d. “casette d’acqua” e i distributori automatici di tabacchi e carburante nonché quelli presenti presso le farmacie e parafarmacie e per quegli presenti in uffici, caserme e strutture sanitarie;

- Il divieto H24 di consumo di alimenti e bevande di qualsiasi gradazione alcolica su aree pubbliche, incluse strade e piazze;

- L’esclusivo svolgimento di mercati rionali e settimanali con l’utilizzo di tutte le misure di sicurezza e distanziamento necessarie, vietando ogni altra tipologia di attività mercatale. Le attività consentite saranno monitorate per una settimana e l’eventuale violazione delle presenti disposizioni comporterà, con successivo provvedimento, la chiusura dei settori non alimentari e/o di intere aree mercatali.

- Ai titolari e/o gestori di esercizi pubblici di predisporre le condizioni per garantire, all'esterno e all'interno degli esercizi stessi, il rispetto della distanza interpersonale prevista dal vigente DPCM in materia utile ad evitare episodi di assembramento, mediante la predisposizione di corridoi con l’ausilio di elementi fisici nonché distanziatori opportunamente presegnalati.

- La costante sanificazione delle postazioni ove sono ubicati distributori automatici e bancomat, nonché delle relative tastiere e pulsantiere.

- La chiusura, dalle ore 18.00 alle ore 05.00 del giorno seguente, di tutti i venerdì, sabati e domeniche, delle seguenti vie: Via D’Aquino (nel tratto compreso tra Via Cavour e Piazza Maria Immacolata) e Via Di Palma (nel tratto compreso tra Piazza Maria Immacolata e Via Pupino).

- La chiusura, dalle ore 18.00 alle ore 05.00 del giorno seguente, di tutti i giorni, delle seguenti piazze: Piazza Maria Immacolata, Piazza della Vittoria, Piazza Giovanni XXIII, Piazza Garibaldi, Piazza Bettolo, Piazzale Bestat, Piazza Medaglie D’Oro, Piazza Masaccio, Piazza Lo Jucco.

DISPONE ALTRESÌ

  • L’apertura dei Cimiteri comunali nel rispetto delle misure previste dal vigente DPCM, rimandando alla Direzione competente la regolamentare, le modalità operative e gli orari di accesso alle strutture. L’apertura sarà monitorata per una settimana e l’eventuale violazione delle presenti disposizioni comporterà, con successivo provvedimento, la chiusura di uno o di entrambi i Cimiteri.
  • La possibilità di accesso in parchi e giardini individuati dalla Direzione competente al fine di consentire le attività previste dal già attuato progetto “Spazi verdi in città” in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale dell’ASL di Taranto. Si conferma, inoltre, la possibilità di accesso anche per altri soggetti fragili e con specifiche esigenze di salute che saranno autorizzati dalla Direzione di competenza.
    PRECISA
  • Che le attività di ristorazione sono consentite sempre con consegna a domicilio e dalle ore 05.00 alle ore 22.00 con modalità asporto con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze; si precisa, inoltre, che la modalità asporto prevede che cibi e alimenti vengano venduti in confezioni chiuse e non pronti per la consumazione.
  • Che restano consentite, nella fascia oraria di chiusura, per le attività professionali, artigianali, commerciali e di ristorazione ogni attività che non comporti la presenza di clientela nonché le sole attività di preparazione dei prodotti, di pulizia, carico e scarico merci e quant’altro necessario ai fini di regolare la funzionale apertura delle attività stesse.
  • Che le presenti disposizioni in materia di vendita e somministrazione di alimenti e bevande si applicano anche a tutte le aree di servizio e rifornimento carburante presenti nell’intero territorio comunale;
    RAMMENTA
  • L’obbligo di avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie, nonché l’obbligo di indossarli nei luoghi chiusi diversi da abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto, ad eccezione dei casi previsti nel vigente DPCM.
  • Che sono consentiti gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, salute, assistenza, nonché per motivi di studio, per l’acquisto di merci nelle attività commerciali consentite nonché fino a chiusura per alimentari, farmacie, parafarmacie, tabacchi e carburanti e alle ore 22.00 per servizio di ristorazione d’asporto.
  • Che è fortemente raccomandato, nella restante parte della giornata, non muoversi con mezzi di trasporto pubblici e privati se non per le motivazioni sopra riportate.
    SI RISERVA
    In caso di ulteriore aumento dei contagi legati alla pandemia di COVID-19 o mancato rispetto delle prescrizioni previste dalla presente ordinanza, l’adozione di provvedimenti integrativi finalizzati a prevenire il proseguimento di condizioni di assembramento.

IL COMUNICATO DEL COMUNE

Con un nuovo provvedimento, valido da domani 13 novembre e fino al prossimo 3 dicembre, il sindaco Rinaldo Melucci ha varato una serie di misure per contrastare la crescita del contagio da Covid-19.
L’ordinanza n. 75, firmata oggi dal primo cittadino, prevede alcune restrizioni che integrano quanto disposto dal Dpcm del 3 novembre scorso, intervenendo soprattutto sugli orari di apertura degli esercizi commerciali e sulla fruizione di alcune aree pubbliche.
Dalle 18 alle 5, quindi, è prevista la chiusura di tutti gli esercizi commerciali e dei distributori automatici H24, esclusi i negozi di generi alimentari, le tabaccherie, i distributori di carburante, le farmacie e le parafarmacie. Nello stesso orario sono sospese tutte le attività professionali che prevedono la presenza di clientela, a esclusione di quelle sanitarie e parasanitarie.
Dal venerdì alla domenica, inoltre, sempre dalle 18 alle 5, saranno chiusi alcuni tratti di via D’Aquino e via Di Palma e le piazze Maria Immacolata, della Vittoria, Giovanni XXIII, Garibaldi, Bettolo, Medaglie d’Oro, Sicilia, Masaccio e Lo Jucco. Permane il divieto per tutto il giorno di consumare alimenti e bevande su suolo pubblico.
Anche tutti i parchi comunali saranno chiusi (restano aperte solo le attività commerciali al loro interno), tranne che per i cittadini più fragili come indicati dall’ASL. Per i mercati rionali e settimanali, e per i cimiteri, viene avviata una settimana di monitoraggio rispetto alla corretta applicazione delle misure previste dal Dpcm: se si verificheranno delle violazioni, saranno presi provvedimenti più restrittivi.
«Queste misure ci aiuteranno a far calare i numeri del contagio – ha spiegato il primo cittadino –, ma abbiamo già predisposto una delibera di giunta che contiene azioni di supporto ai cittadini che patiranno disagi a causa del virus».

Commenti

Coronavirus: Il bollettino della Puglia del 12 novembre. 1434 casi su 8936 test. 183 nel tarantino
Coronavirus: Il bollettino nazionale del 12 novembre. 15645 guariti, 636 morti, 37978 casi