Scherma

Club Scherma Taranto, eccellenza ionica confermata in A2

Loiacono, Santilio, Venza e Grassi : un team di successo

15.05.2018 01:10

Venerdi 11 maggio, al Palaindoor di Ancona, si sono svolti i campionati italiani a squadre di spada maschile categoria A2, validi sia per l’assegnazione del titolo tricolore che per la promozione nella massima serie di A1.

Il Club Scherma Taranto, da ben tre anni già in serie A2, per tutta la stagione agonistica si è preparata con impegno all’appuntamento per centrare l’obiettivo.

La formazione coordinata e abilmente guidata dal maestro Camilo Bory Barrientos era  composta dal consueto team che da anni ha abituato i sostenitori della società jonica a grandi emozioni e successi certi: nell’ordine il capitano  Mattia Loiacono, Vincenzo Santilio, William Venza e la new entry Dario Grassi.

La formula di gara del campionato italiano prevedeva la partecipazione di sedici squadre, delle quali dopo un girone iniziale e le eliminazioni dirette, le prime tre classificate sarebbero state promosse in A1, mentre le ultime quattro  retrocesse in B1.

Gli Spadisti tarantini vincono  due incontri su tre nel girone qualificatorio con il punteggio 45/43 con Michelin Sport Club Torino e un comodo  45/27 con Bernardi Ferrara  collocandosi  in 6° posizione nel tabellone eliminatorio

Superano gli ottavi di finale assicurandosi l’accesso ai Play-off in un match al cardiopalma contro nuovamente Michelin Sport Club Torino con il punteggio 45/42 ottenendo la matematica sicurezza della permanenza in A2.

Ai quarti di finale si sfidano con Cesare Pompilio Genova, una squadra che annovera tra i suoi componenti l’attuale vice campione del mondo categoria cadetti, ma ciò nonostante la compagine jonica non si è lasciata intimidire tenendo testa in un intenso assalto chiusosi a favore degli avversari per 45/34.

 Rimane comunque la grandissima soddisfazione e l’orgoglio di tutto l’ambiente societario  per la conferma del Club Scherma Taranto in serie A2 per il quarto anno consecutivo e che con grande merito non ha mai  dovuto disputare i Play-Out per la retrocessione, ma ha sempre sostato in zona Play-Off di promozione in A1.

Evidente dunque la valenza tecnica dei 4 moschettieri tarantini, che abilmente si destreggiano senza particolare difficoltà nell’élite della scherma italiana offrendo sempre prestazioni di alto livello certi che l’appuntamento con la conquista della massima serie A1 è soltanto rimandato.

 

 

https://www.guidapsicologi.it/studio/drssa-daniela-anedda

Commenti

E' Michele Adduci il primo tassello della nuova stagione dei Giovani Rossoblu
Esame Semifinale superato dal Taranto