Taranto F.c.

Punto D/H: Severo De Felice, 'Al Taranto manca l'equilibrio...'

19.02.2020 14:08

E’ un campionato apertissimo, quello della serie D girone H, sia per il primato che in chiave salvezza come conferma, a Tutto Sport Taranto, l’esperto tecnico, ex Team Altamura, Severo De Felice: “Lo dissi già in passato: mi sarei aspettato di più dal Taranto e dal Casarano. Per quanto riguarda l’Audace Cerignola me l’aspettavo leggermente più su in classifica: ero convinto che con il Presidente Greco, il tecnico Potenza e il preparato ds Elio Di Toro potesse avere qualche punticino in più. Il lavoro del Direttore Sportivo, adesso, si sta vedendo con i gialloblù che hanno espugnato Bitonto e sono in piena zona play off: hanno perso a Foggia in cui un ko ci può stare e hanno pareggiato sull’insidioso campo del Grumentum. La sorpresa è il Sorrento: questo fa parte del calcio visto che ogni anno si assiste a compagini che fanno bene inaspettatamente. I rossoneri non hanno pressioni e dispongono di un grande staff tecnico capitanato dal bravissimo Enzo Maiuri. Come organico, sulla carta, è di livello inferiore delle squadre nominate ma il lavoro del ds e della società è stato molto intelligente: lo conferma il fatto che a dicembre sono intervenuti sul mercato portando in rossonero soltanto Alvino e non scombussolando nulla. Per quanto riguarda la capolista Bitonto domenica ha perso e si è fatto male Patierno che potrebbe essere una grossissima defezione in chiave futura. Comunque hanno attaccanti che stimo tanto come Markaj e Montaldi”.

ZONA BASSA: “Dal Brindisi, che era la prima del secondo troncone della classifica, in giù sono tutte a rischio: nessuna può stare tranquilla anche se la Gelbison e la Team Altamura con i successi di domenica scorsa possono respirare. Il Nardò sta compiendo una grande rimonta ed è tornata in piena corsa per la salvezza diretta: merito al tecnico Foglia Manzillo che, nelle difficoltà ha saputo tenere compatto l’ambiente. Per quanto riguarda l’Agropoli credo che sia spacciato. Il Francavilla in Sinni avendo battuto il Fasano è tornato a sperare: stranamente è un po’ indietro ma ha un tecnico preparato e dei calciatori validi. Si può tirare fuori. Comunque, il calcio è strano e nessuna squadra può abbassare la guardia: regna equilibrio”.

IL TARANTO: “Quello che manca agli ionici è l’equilibrio. Una squadra che deve vincere, comunque, può subire dei momenti difficili durante la stagione. La situazione è difficile commentarla da fuori e questo è solo un mio parere. Al Presidente Giove si può dire tutto ma non il fatto di non aver investito o cercato di costruire una buonissima squadra con un tecnico vincente qual è Ragno. Bisogna essere all’interno per poter fare un’analisi più oggettiva. Quando parlo di equilibrio non parlo di contestazioni ma un po’ di tutto: i tifosi vogliono vincere soprattutto quando viene costruita una rosa del genere. Questi vanno gestiti perché con il loro aiuto si possono vincere i campionati. Non si trionfa soltanto prendendo calciatori e un tecnico valido: esistono tante componenti”.

TARANTO-BITONTO: “Comprendo il ko degli ionici in quel di Altamura: quando si entra in un vortice negativo è difficile uscirne, però, i rossoblù hanno il dovere morale di provare a conquistare i play off. Sono convinto che usciranno da questo momento e poi partite così si preparano da sole. Una vittoria sarebbe prestigiosa e darebbe una scossa per un buon finale di campionato. Per quanto riguarda il Bitonto bisognerà vedere le condizioni di Patierno che potrebbe essere un problema non indifferente per il tecnico Taurino. Comunque hanno altri validi attaccanti”.

Si ringraziano:

 

Commenti

Massafra: De Bartolomeo, 'Dobbiamo e vogliamo per forza conquistare i play off'
Il campione italiano Pesi Supergallo Luigi Merico torna sul ring