Taranto F.c.

Salvatore Marra: 'Taranto? Bisognerebbe capire cosa non va'

Il tecnico a Tutto Sport Taranto: 'La ripresa dipenderà, molto dall'andamento di serie A, B e C'

20.06.2020 12:59

DI ALESSIO PETRALLA

I verdetti ormai sono ufficiali con le quattro retrocessioni dalla serie D all'Eccellenza e con la promozione delle prime in serie C: a commentarli, a Tutto Sport Taranto, è l'ex tecnico dell'Avellino, del Potenza, dell'ACR Messina, quest'anno in forza al Castrovillari, Salvatore Marra: "Promuovere le prime, ritengo, sia stato un atto dovuto anche perchè erano poche le situazioni in cui si lottava con le seconde con poche lunghezze di distacco. Di contro fa male retrocedere in questo modo visto che nei vari raggruppamenti era ancora tutto in ballo: nel gruppo H sono scese in Eccellenza due squadre per la classifica avulsa. Sarebbe stato più giusto far scendere solo le ultime due che in tanti casi erano già quasi spacciate. In Eccellenza dovrebbero essere promosse anche le migliori seconde. La cosa che più mi stupisce è il fatto che pur essendo la stessa Lega (serie D ed Eccellenza) vengono prese decisioni diverse. Alla fine comandano loro e dobbiamo attenerci alle direttive. L'importante è che si definisca tutto quanto prima e che si inizi a parlare della nuova stagione".

SERIE D/H: "La parte alta del gruppo H era la più equilibrata tra tutti i gironi. Il Bitonto aveva disputato un gran girone d'andata con il ritorno, poi, del Foggia. Il campionato si era riaperto. Inoltre, li in alto c'erano formazioni blasonate e forti come Casarano, Taranto e Cerignola che anche quest'anno ha fatto investimenti importanti. Peccato che vince solo una squadra. Spero che questi club per organizzazione e storia possano giocare in serie C. Per quanto riguarda la parte bassa mi dispiace per la retrocessione del Grumentum che stava compiendo un'ottima rimonta: con otto partite a disposizione poteva succedere di tutto anche perchè c'erano tre compagini a pari punti. Spero nel ripescaggio e che queste formazioni tornino in D".

IL TARANTO: "E' una piazza importantissima. Ogni anno, però, qualcosa non va e bisognerebbe capire il perchè. Del resto i calciatori di spessore non sono mai mancati. Adesso, è arrivato Pagni persona che conosco: posso confermare che è molto competente e saprà scegliere bene. Gli faccio un grosso in bocca al lupo. Giocare nel Taranto in serie D non è una cosa facile...".

LA RIPRESA: "Tutto dipenderà dall'andamento della serie A, B e dai play off di serie C. Dopo potremo tracciare un bilancio. Il Presidente Sibilia disse che dal primo luglio si dovrebbe ripartire, anche in D, con le dovute precauzioni per iniziare, poi, il campionato a metà settembre. Se tutto dovesse filare liscio, mi auguro che gli stadi possano riaprire non soltanto al 20%: la serie D è un campionato difficile da affrontare poi se non ci sono neanche gli incassi lo diventa ancora di più con le tifoserie che, tra l'altro, vengono penalizzate".

MARRA: "Nella stagione da poco terminata sono stato a Castrovillari in cui i problemi societari ci hanno attanagliato. Ho ricevuto un paio di chiamate: spero di poter lavorare in serenità: questo fattore è più importante delle motivazioni".

Si ringraziano:

 

 

Commenti

Al 'Premio Atleta di Taranto' anche la Vibrotek Volley Leporano
La Real Virtus Grottaglie riparte con il Corso Estivo di Calcio