Taranto F.c. News

Panarelli: "È un sogno allenare la squadra della propria città"

a cura di Massimiliano Fina

17.11.2018 13:19

In vista dell’importante gara di domani del Taranto contro la Gelbison, è intervenuto il mister dei rossoblu, Luigi Panarelli. Di seguito è riportato ciò che ha detto.

Panarelli: “La gara di domani? Loro hanno una spina dorsale composta da giocatori di esperienza, che conoscono la categoria, hanno vinto a Nardò e con l'Altamura, e fermato il Picerno. Sicuramente ci aspetta una partita impegnativa. Io metto la migliore formazione, secondo quale è il mio canone di veduta. Siamo il secondo miglior attacco, purtroppo che prendiamo un gol di troppo è un dato di fatto e tornando alla partita di mercoledì, dopo un ottimo primo tempo, nel secondo tempo ho visto Oggiano che si abbassava troppo, ho preferito cambiare sistema e alla fine credo che siamo stati sempre in partita. Il Mister ospite? De Felice è un integralista del 3-5-2. Domani mi aspetto conferme, un confermarsi di quello che di buono stiamo facendo. È chiaro che stiamo disputando un buon campionato e che il blasone della piazza richiede. Io ritengo per quanto sia difficile il campionato, che le squadre di basse classifica siano insidiose. È un sogno allenare la squadra della propria città, sapevo che era un impegno che mi poteva dare tanto a livello di uomo e non nascondo che le emozioni le faccio trasparire poco. Sono felice che il pubblico è vicino alla squadra. Credo che uno quando è tifoso del Taranto lo è sempre, io credo che la gente che non viene allo stadio ora non è tifoso. Io mi preoccupo più dei tifosi che ci vengono a sostenere e ci seguono nel bene e nel male, e qua di male non c'è nulla. Per noi ogni gara, deve avere come obiettivo i tre punti per avere continuità, ma ci sono degli errori che si devono limare. Cavalli? Voglio spezzare una lancia a suo favore, io non ho visto delle incertezze sui gol, bisogna avere più fiducia in lui e incoraggiarlo anche perché è un under. Il portiere è un ruolo delicato, ma non credo che nei due gol ci sia errore suo. Martinese è un giovane ma credo che Cavalli sia più pronto. Ho più soluzioni per domani da poter optare per la gara. È un Taranto che deve fare la partita, dobbiamo essere pazienti ma troveremo sicuramente difficoltà sulle linee di passaggio, e dobbiamo essere bravi a scalfire la difesa. Hanno dei giocatori ostici, hanno fatto più gol in trasferta, ma noi abbiamo preparato più soluzioni e credo che domani vedremo un Taranto che si deve confermare".

Commenti

Cus Jonico a Mola, parla Matteo Giovara
Talsano: Juniores, prima sconfitta per i ragazzi del tecnico Dirito