Basket Maschile

Pu.Ma. Trading Taranto, ora la salvezza è più vicina

Il Cus Jonico con un gran finale fa sua la gara 1 dei playout contro la Silac Manfredonia. Fernandez segna 23, in doppia cifra anche Giovara, Veccari e Fanelli. Mercoledì gara2

15.04.2018 19:51

https://www.facebook.com/fratellimaglie/

 

foto Aurelio CastellanetaPU.MA. TRADING TARANTO - SILAC MANFREDONIA 77-68

Pu.Ma. Trading Basket Taranto: Veccari 17, Giovara 18, Fernandez 23, Mastropasqua 2, Gonzalez 5, Caldarola, Fanelli 12, Alberti ne, Mattei, Montanaro ne, Vitiello ne, De Iacovo ne. All: Caricasole.

Silac Angel Manfredonia: Jonikas 16, Padalino 9, Rubbera 23, Gramazio 7, Vorzillo 11, Grasso ne, Ba ne, Armillotta ne, Ferraretti 2, Fatone ne, Buonasorte ne. All: G. Ciociola.

Parziali: 18-25, 34-43; Arbitri: Marco Mitrugno di Mesagne (BR) e Matteo Rodi di Brindisi. Spettatori: 600; Usciti per falli: Vorzillo (SM, 4°q)

 

Salvezza a un passo per la Pu.Ma. Trading Taranto che ha fatto valere il fattore campo in gara 1 del playout contro la Silac Manfredonia imponendosi al Palafiom per 77-68 dopo una partita intensa piena di alti e bassi da parte di entrambe le squadre ma che ha visto il Cus Jonico uscito più convinto e determinato dagli spogliatoi dopo l’intervallo capace di annullare il gap di 9 punti e poi fare la differenza nel finale punto a punto deciso dalle triple di Fanelli (12 punti), dai canestri di Giovara e Veccari (18 e 17) dalla grinta del giovane Mattei e dell’esperto Gonzalez ma soprattutto dalla schiacciata di Fernandez che ha messo il punto esclamativo sulla sua prova, 23 punti, e sulla vittoria dei rossoblu che mercoledì prossimo a Manfredonia si giocheranno il primo match point per la salvezza in serie C Silver.

Coach Caricasole parte con Giovara, Mastropasqua, Gonzalez, Veccari e Fernandez. Risponde coach Ciociola con Jonikas, Gramazio, Padalino, Rubbera e Vorzillo.

Dopo i primi liberi di Gramazio, Fernandez comincia la sua partita e quella del Cus con una schiacciata. Ma Vorzillo replica dall’altra parte con Gramazio a segno con un 2+1 per il 7-2 ospite. Veccari scuote i suoi su assist di Gonzalez che ci prende gusto e arma per ben due volte la tripla di Giovara che porta Taranto al pareggio 11-11 al 5’. Cus con l’inerzia dalla sua stavolta ed allora Giovara veste i panni dell’assistman per Veccari, due canestri, +4, break di 13-4 e time out Manfredonia. Sospensione che fa bene alla Silac che ritrova calma e soprattutto Jonikas e Rubbera capaci di ribaltare partita e punteggio con un paio di azioni, ci si mette anche la tripla di Vorzillo a restituire il break con gli interessi, 15-20. Il canestro di Gonzalez è solo una parentesi, prima della sirena ci pensa Padalino a firmare la tripla del 25-18 che chiude il primo quarto.

Serve ancora una scossa al Cus Jonico, prova a darla Fernandez forzando un tiro ed ottenendo canestro, fallo e libero. Ma non basta perché Manfredonia fa scelte migliori in attacco, Padalino e Ferraretti segnano il +10 che costringe coach Caricasole a spendere un altro time out. Prima dell’intervallo ancora la mano di Rubbera segna il nuovo massimo vantaggio ospite, +12. Ci vogliono una tripla e un altro canestro di Giovara per rendere meno amaro il gap che al riposo vede Taranto inseguire 34-43.

Al ritorno dagli spogliatoi è finalmente un altro Cus Jonico. Tutto il quintetto mette la propria mattonella: segnando una tripla con Fernandez, recuperando e segnando in contropiede con Mastropasqua, andando a canestro con Giovara e Veccari, così si confeziona il 9-0 di break che impatta la partita a 43 e costringe Manfredonia al time out. Taranto resta in partita e va a +4 con Giovara. A tenere in scia la Silac ci pensa Jonikas che si batte come un leone sotto le plance ma i rossoblu non sono da meno. I canestri in chiusura di Veccari e Padalino fissano il punteggio sul 54-52 e rimandano tutto all’ultimo quarto.

Segna Veccari in apertura degli ultimi 10 minuti, risponde Padalino. Giovara allora segna, subisce il fallo e realizza il libero supplementare per il +5. Ci vorrebbe una tripla di Fanelli che arriva puntuale per il +8 rossoblu. Sul più bello però Veccari è sfortunato con due ferri che sputano due canestri quasi fatti in backdoor, dall’altra parte invece riesce tutto o quasi a Rubbera che la rimette in piedi quasi da solo ed infatti a tre minuti dalla fine è 63-62. La palla non pesa nelle mani di Fanelli ancora a segno con una tripla, del +4. Rubbera non ci sta e dimezza il vantaggio rossoblu. Ancora Fanelli va di tripla ma Vorzillo segna il tapin del -1. C’è poco più di un minuto da giocare, Gonzalez fa 1/2 ai liberi, dall’altra parte invece viene fischiato un fallo in attacco a Vorzillo, è il quinto. Il centro della Angel non ci sta, ancor di più non ci sta coach Ciociola. Proteste vibranti, il tecnico è inevitabile. Sono 4 i liberi nelle mani di Fernandez (fallo+tecnico): lo spagnolo fa 3/4 e poi sulla rimessa va a schiacciare il canestro che di fatto sul +7 consegna la vittoria al Cus Jonico, il resto è gestione grazie a Fanelli, una sicurezza, ancora dalla lunetta. La prima partita è in cassaforte, ora bisogna vincerne un’altra, possibilmente già mercoledì sera a Manfredonia.

 

SEMIFINALI PLAY-OUT

(AL MEGLIO DELLE 3 GARE, chi vince è salvo, le perdenti si giocano la permanenza in C):

Cus Jonico Basket Taranto-SSD Giuseppe ANGEL Silac Manfredonia 1-0

(gara2 18/4 ore 20.30 Manfredonia; ev g3 sabato 21/4 ore 18 Palafiom)

 

Commenti

Corim Città di Taranto, a Rionero sconfitta meritata
Promozione, gir.B 29a giornata: gioia Sava, Talsano buon pari con l'Ugento