Eccellenza Pugliese

Il Bitonto è in finale. Espugnato il Celestino Laserra ma l'Avetrana aveva già vinto il suo campionato

Epilogo amaro ma campionato da applausi per i biancorossi

29.04.2018 20:08

USD AVETRANA - OMNIA BITONTO 0-2 (2'pt Montrone, 45'+5' st Patierno)

Arbitro:  Daddato V.E. di Barletta
Assistenti: Fiore - Acquafredda di Molfetta

Note: Ammoniti Anaclerio (OB), Salto (A), Montrone (OB), espulso Anaclerio (OB) per doppio giallo

Avetrana: Petranca, Salto, Prete, Guerra, Calò (15'st Romano), Cavalieri, Alemanni (29'st Patera), Cellamare, Richella, Cappellini, Venza. 
A disposizione: Strafella, Romano, Margagliotti, Patera, Sebastio, Passiatore, Pizzolante.
Allenatore: Branà

BITONTO: Vitucci, Barone, Anaclerio, De Santis, Montrone , Dellino, Ladogana (3'st Fiorentino), Cardinale, Patierno, Zotti (20'st Picci), Turritto
A disposizione: Lizzano, Montanaro, Fiorentino, Rubini, Lavota, Strignano, Picci
Allenatore: De Candia

Avetrana: Il Bitonto vola in finale con un secco 0 a 2. Pianti e rimorsi per la squadra del patron Saracino per un finale amaro che non cancella però quanto di buono ed inimmaginabile aveva già fatto. La conpagine tarantina ha lottato con i giganti della categoria senza sfigurare e rispondendo colpo su colpo durante tutta la stagione, paga l'inesperienza e quel pizzico di astuzia proprie delle squadre costruite per lottare ai vertici. La vittoria dell'Avetrana è in quel terzo posto raggiunto con orgoglio ed organizzazione societaria e di gioco. Passando alla gara odierna non si discutono i valori in campo ed il calcio regala spesso questi duelli tra Davide e Golia facendo spesso scrivere storie da fantacalcio. Oggi però qualcosa si é inceppato. Neanche il tempo di godersi la stupenda cornice di pubblico che riempie il Celestino Laserra in una giornata storica per i padroni di casa che il Bitonto trova il vantaggio. È il 3' minuto, in ripartenza Patierno impegna Petranca che salva mandando in angolo il velenoso diagonale del bomber ospite. Sul successivo corner colpo di testa di Montrone che sale in quota indisturbato in area su preciso assist di Zotti. Colpevolmente abbandonati gli avanti bitontini in area biancorossa. La doccia fredda per i padroni di casa non genera però il giusto scatto di orgoglio. Gli uomini di Brana' sembrano scarichi e privi di inventiva. Sono ripetitivi i lanci lunghi a scavalcare centrocampo e difesa bitontina ma la retroguardia ospite non si lascia trafiggere e chiude tutti gli spazi. Le conclusioni scarseggiano e le idee sembrano mancare fino al 28' quando il fallo in area di rigore bitontina può riaprire il match. Cappellini ha sui piedi un pallone tanto rovente quanto importante. Il fantasista avetranese però si lascia ipnotizzare ed il suo tiro centrale é respinto da Vitucci. Sulla ripartenza  Patierno tenta da fuori area vedendo Petranca  lontano dai pali ma manda la palla di poco a lato. Dopo pochi minuti il Bitonto spinge e cerca il colpo del ko con Zotti che trova il miracoloso intervento di Petranca. La partita é combattuta da entrambe le squadre che non  si risparmiano minimamente. L'Avetrana prova però a  scavalcare gli ospiti con i lanci lunghi ma il Biĺtonto fa buona guardia e continua a ripartire spesso pericolosamente. Al 38' entrata violenta in area bitontina ai danni di Venza ma l'arbitro lascia correre. Nella ripresa l'episodio che può favorire i padroni di casa. Dopo due soli minuti viene espulso Anaclerio per doppio giallo. Gli uomini di De Candia si chiudono alzandole barricate ma con Zotti e Patierno sono sempre pronti a far salire la squadra.
L'Avetrana al 20', forte dell'uomo in più prova a trovare la rete con un ottimo filtrante di Cappellini per Venza che manca l'aggancio per un soffio. Il Bitonto però compensa l'inferiorità con la forza fisica. Zotti è in palla e sembra imprendibile,alla mezzora semina il panico in area avetranese, per due volte si deve impegnare Petranca per chiudere lo specchio. Al 38' Cappellini appoggia per Cellamare che calcia forte ma il tiro é impreciso ed alto. Le azioni dei padroni di casa si susseguono ma sono sempre poco incisive. Tante palle gettate nel mezzo e conclusioni poco incisive. Il pubblico si spazientisce ma continua ad incitare i propri beniamini. I sei minuti di recupero sembrano poter ridare speranze ai padroni di casa che si lanciano a capofitto in avanti ma sono fermati a più riprese da continue segnalazioni di offside. Al 50' azione sulla sinistra per Richella che perde palla nel tentativo di dribblare il diretto avversario, la ripartenza bitontina è micidiale. La palla è lanciata per Zotti che sposta di esterno la palla e si lancia in mezzo alla retroguardia biancorossa. Dopo un'interminabile corsa il suo morbido tocco centrale beffa Petranca e chiude definitivamente la gara. L'Omnia Bitonto esulta e  vola dritto in finale contro il Casarano. Per l'Avetrana invece termina un campionato da incorniciare e su cui gettare le basi per un peosperoso futuro nella massima serie del calcio pugliese.

Commenti

Italcave Real Statte, 0-0 contro Rambla. Ai quarti scudetto c'è il Montesilvano
Serie D gir. H, 33a giornata: risultati, classifica e prossimo turno. Potenza in C. Taranto ai play-off c'è l'Altamura