UG Manduria

Manduria: colpo col botto

Ufficio Stampa Manduria

01.09.2020 12:46

Il presidente Palmisano, grazie anche alla mediazione dell’ex DS dell’Ostuni Paolo Marzio, è riuscito a strappare alla Fidelis Andria (serie D) il forte attaccante Nicholas Caruso. Acquisto di grande risonanza per i biancoverdi vista la vena realizzativa di Caruso, salito sul podio più alto della classifica dei cannonieri (21 reti) nella stagione scorsa con l’Ostuni (Promozione). Il tesseramento di Caruso pone l’accento sulla qualità del reparto offensivo dei messapici che possono già contare sulla presenza di validissimi calciatori esperti della categoria. Nicholas Caruso, monopolitano classe 95, è cresciuto calcisticamente tra l’Experia Monopoli e la Fidelis Andria. Ha vestito la maglia del Francavilla in serie D; dell’Ostuni, del Terlizzi e dell’Atletico Alma Fano (Marche) in Eccellenza; del Poliminia, della Vigor Moles e dell’Ostuni in Promozione. Rapido nell’esecuzione e notevole senso del goal, Nicholas Caruso è un attaccante che nei vari campionati disputati ha superato spesso la doppia cifra nelle marcature. Queste sono le sue prime parole in biancoverde:

“Sono felicissimo di vestire la maglia biancoverde del Manduria in quanto è stata la squadra che mi ha voluto veramente più di tutte. Con il presidente Palmisano abbiamo avuto un incontro in estate e ci lasciammo, allora, con una promessa. Bene ad oggi possiamo dire che la promessa è stata mantenuta grazie anche al lavoro del sig. Paolo Marzio fondamentale nella mediazione per l’esito positivo della trattativa. Questo sarà un campionato nuovo nel suo format, due gironi di Eccellenza in Puglia non si vedevano da molto tempo e pertanto non voglio creare aspettative. È scontato che insieme ai miei compagni cercheremo di dare il massimo in ogni partita e di migliorarci gara dopo gara, solo alla fine tireremo le somme. Ai tifosi biancoverdi dico di starci vicino perché ci sarà da divertirsi.”

Commenti

Bel match per i quattro anni affidati ai gentleman
Mercato: Due nuovi under per il Sava