Taranto F.c.

Taranto: Pelliccia, 'E' andato tutto storto ma abbiamo sempre sudato la maglia'

Il difensore rossoblù sul momento: 'Brutto periodo perchè noi viviamo di calcio...'

29.04.2020 20:58

DI ALESSIO PETRALLA

Nonostante manchi soltanto l’ufficialità dello stop anticipato del campionato di serie D, i giocatori del Taranto si stanno continuando ad allenare da casa come conferma, a Tutto Sport Taranto, il difensore Salvatore Pelliccia: “Ci stiamo allenando da casa e personalmente utilizzo anche lo spazio del terrazzo. Mi tengo in stretto contatto con Ferrara e con altri compagni per confrontarci sugli allenamenti. E’ un brutto momento perché viviamo di calcio: le domeniche sono strane”.

LA SOSPENSIONE: “E’ un peccato per chi sta in alta classifica in un campionato difficile in cui molti hanno fatto tanti sacrifici. Potevamo stare sopra anche noi. Comunque, per prima cosa bisogna pensare alla salute”.

IL BILANCIO: “Nel calcio non sempre vincono le squadre più forti. Per noi è stata una stagione storta: non sappiamo cosa possa essere successo. E’ andato tutto male eppure siamo una grande squadra e abbiamo costruito un grande gruppo”.

IL CAMPIONATO: “Il girone H è molto equilibrato ed è come una sorta di serie C. Ci sono piazze calde e grandi tifoserie. Giocare in questo campionato ti permette di crescere. Poi, Taranto è un’avventura importante per un giovane”.

I TIFOSI: “Come dargli torto: sono esigenti ma posso garantire che ce l’abbiamo sempre messa tutta. Purtroppo i risultati non sono arrivati. Sono arrabbiati ma abbiamo sempre sudato la maglia”.

IL FUTURO: “Non so ancora cosa farò anche perché con la società del Taranto non ho parlato: nella vita poi non si sa mai. A Taranto sono affezionato. Se ci saranno i presupposti si vedrà”.

GLI OBIETTIVI: “Se dovesse riprendere il campionato vorrei fare sempre meglio. Per quanto riguarda il Taranto punteremmo a vincere i vincere i play off”.

Si ringraziano:

 

 

Commenti

Taranto: Toto ds, per il dopo De Santis un giovane di prospettiva?
L'amarcord di TST: Florina Pascalau, 'Lo scudetto? In finale non giocai ma ero agitatissima'