Ars et Labor Grottaglie - Sava

highlights del match

Il match di cartello della sesta giornata di andata del campionato di Prima Categoria si giocava al D’Amuri di Grottaglie tra l’Ars et Labor e il Sava rispettivamente prima e seconda in classifica. Gara dalle tante attese che non ha offerto un grandissimo spettacolo dal punto di vista del gioco a causa della pioggia battente e il fortissimo vento, una situazione meteo che ha condizionato, non poco, le giocate in campo da ambo le parti. Grottaglie inizialmente con un 4-2-3-1 trasformatosi nella ripresa in un 4-3-2-1 e Sava con il collaudato 4-3-3. Vediamo le azioni salienti:
Partono forte gli ospiti e il primo brivido giunge al 5° minuto, cross dalla destra di Morleo e Amaddio, nel tentativo di liberare l’area, colpisce di testa mandando la sfera contro il palo, rischiando l’autogoal. Sul prosieguo dell’azione contatto in area tra Masella e Cimino che l’arbitro non giudica falloso. Ancora Sava sugli scudi al 9° minuto, palla filtrante di Caputo sulla corsa di Urbano che si presenta solo davanti a Costantino bravo a chiudergli lo specchio della porta.
Al 21° squillo del Grottaglie, Carbone dalla sinistra premia il taglio in area del giovane Masella il cui tiro viene bloccato in due tempi da Bisignano. Alla mezz’ora De Tommaso si procura una punizione dai 20 metri, sulla palla si porta lo stesso De Tommaso che calcia con precisione mettendo la palla sotto la traversa dove Bisignano non può arrivarci. Immediata la reazione degli ospiti che tre minuti dopo, con Eleni, hanno l’opportunità di pareggiare ma il centrocampista calcia male. Si va al riposo con i biancoazzurri in vantaggio.
Ancora partenza sprint del Sava nella ripresa, prima reclama un rigore per un fallo di Appeso ai danni di Eleni e poi, grazie ad un rinvio sbagliato, riconquista palla e si procura il rigore con Gioia, atterrato da Lecce. Sul dischetto si porta Vasco che spiazza Costantino. Dopo il pareggio i padroni di casa accennano ad una reazione che si concretizza con un tiro dalla distanza di Fonzino che esce di poco. Al tiro di Fonzino risponde Gioia alla stessa maniera, palla al lato.
Al 27° il Sava sorpassa il Grottaglie. Gioia dalla trequarti lascia partire un traversone in area sul quale Costantino sbaglia i tempi dell’uscita, Vasco arriva puntuale sulla palla e la devia in rete per il momentaneo 2 a 1. Il Sava batte il ferro ancora caldo e sfrutta il momento buio dei padroni di casa. Costantino al 31° sbaglia ancora e innesca la ripartenza biancorossa, Urbano salta l’estremo difensore biancoazzurro ma si vede respingere il tiro da Amaddio. Appena 30 secondi dopo il signor Cianci di Bari annulla il goal del 3 a 1 allo stesso Urbano per fuorigioco. Le immagini non ci aiutano molto, non possiamo definire perfettamente la posizione di Urbano al momento del passaggio di Coccioli.
Al 41° Cantoro fa ponte di testa in favore di Galeandro che si vede anticipare da Bisignano. Al primo minuto di recupero il direttore di gara decreta un calcio di punizione per il Grottaglie per fallo di Angelè su Lecce. Sulla palla si porta ancora De Tommaso che calcia a giro sul secondo palo, Bisignano para ma non trattiene, sulla palla si catapultano almeno tre giocatori del Grottaglie con Amaddio che trova la deviazione decisiva per il 2 a 2. Un pari che lascia tutto invariato in testa alla classifica e accontenta più il Grottaglie con un Sava che probabilmente avrebbe meritato miglior fortuna.

13.11.2018