5Women

Argento vivo: «Pero e Vicenza Calcio Amputati? Imparo ogni giorno per crescere»

27.03.2021 14:31

La giocatrice italo-argentina ha esordito sulla panchina lombarda una settimana fa ed è alla guida della compagine veneta, tra le migliori in Italia: «Grata per la fiducia ricevuta, esperienze che ti lasciano il segno. Con il Pero ci aspetta un finale di stagione intenso, con i miei ragazzi del Vicenza la Champions in Turchia»

articolo di Gisberto Muraglia

Maria Alejandra Argento gioca (molto bene) a futsal già da diversi anni. In Italia ha vestito tante maglie, tra le altre quelle di Isef, Isolotto, Sinnai, Lazio, Salinis e Pelletterie. Nelle ultime stagioni, invece, la giocatrice italo-argentina ha indossato le casacche di Grisignano e Pero. Il suo accento adesso è uno spettacolare mix di veneto, lombardo e argentino, ovviamente. Ti accorgi di quanto sia integrata da quelle parti quando la senti mettere l’articolo davanti ai nomi femminili. Probabilmente supererebbe con successo e in scioltezza anche il famoso “inganno della cadrega”, cosa che qualsiasi fan di Aldo, Giovanni e Giacomo conosce molto bene. In più, nonostante le difficoltà legate al momento storico, Argento non ha mollato. Anzi, ha triplicato. Oltre ad essere diventata anche l’allenatrice del suo Pero, è la guida tecnica del Vicenza Calcio Amputati, esperienze che stanno contribuendo ad arricchire il bagaglio delle esperienze di Alejandra, già di suo professionista seria e inappuntabile, in modo smisurato. Sulla panchina del Pero ha esordito con una vittoria una settimana fa, battendo il Vip Altamarca di mister Zanetti per 4-2, e ora l’aspetta il big match di domani contro la fortissima Audace, in piena lotta promozione con il Padova. Sulla panchina del Vicenza Calcio Amputati – tra le squadre più forti in Italia - ha messo nel mirino la Champions in Turchia da disputare a maggio. Più, ovviamente, il prosieguo del campionato. Covid permettendo. Un impegno a tutto tondo, per la Argento, che ha saputo mettere alla prova sé stessa e crescere tanto professionalmente quanto umanamente. In fondo la vita è proprio questo, un continuo mettersi alla prova ed esplorare orizzonti nuovi che possano lasciarci un segno tangibile vita natural durante. Concetto che Argento ha fatto gelosamente suo.

Alejandra, benvenuta su tuttosporttaranto.com. Come stai e come procedono le cose lì in Lombardia?

Al d i là di alcune difficoltà che ci sta facendo vivere la situazione attuale del mondo, tutto bene. Nonostante tutto si guarda sempre avanti.

La scorsa domenica hai esordito come allenatrice nel tuo Pero. Quali sono le sensazioni che ti sta dando questo nuovo ruolo?

Sensazioni. Eh, è sempre difficile parlare d’ emozioni, quelle si vivono direttamente. Sicuramente è stata una sensazione viva e piena di gioia, il Futsal per me è uno stile di vita e la domenica scorsa mi sono avvicinata a quelle sensazioni folli che avevo perso un po’ da giocatrice. Ma è stato un primo approccio, quindi ancora è presto per capire alcune cose dentro di me.

Alleni anche il Vicenza calcio amputati. Quanto ti arricchisce umanamente e professionalmente questa esperienza e quanto stai imparando dalla grande forza di volontà dei tuoi meravigliosi ragazzi?

Direi che nulla ci capita per caso nella vita. Aver avuto la possibilità, grazie alla fiducia di Anna Milano, vicepresidentessa del Vicenza Calcio Amputati e appassionatissima di futsal e calcio e del presidente Massimiliano Padoan mi ha fatto soltanto continuare a rinforzare il mio sviluppo personale del sentimento di gratitudine in questo universo. Elencarti tutto ciò che ho imparato da loro e tutto ciò che imparo giorno per giorno sarebbe difficile. Mi servirebbe tutta la pagina. Una cosa ben precisa posso dirtela, l’essere umano è abituato ad arrivare ai traguardi e volere sempre di più e di più e di più e lamentarsi di quello che non ha avuto e che magari ha il vicino. E’ abituato sempre a guardare e competere con l’altro, qui si impara a valutare veramente ciò che si ha e farlo fiorire, crescere, sviluppare rendendo il tesoro più prezioso andando avanti passo dopo passo.

Per il futuro possiamo abituarci a chiamarti mister Argento? Sarà questa la tua strada?

Sinceramente con la situazione covid programmare a lungo sopratutto in ambito sportivo mi viene difficile. Questa strada di allenatrice sicuramente è quella che vorrei continuare ad arricchire. Continuerò la mia formazione come lo sto facendo tutt’ora, ma appendere le scarpe definitivamente adesso che ritrovo quel sentimento che avevo perso un po’ non lo so ancora. Valuterò e sicuramente a fine stagione capirò meglio la strada da prendere. Que todo fluya!

Tornando al tuo Pero, quali sono gli obbiettivi che ti sei prefissata e cosa intendi trasmettere prima di ogni altra cosa alle tue ragazze?

Obbiettivi prefissati arrivare il più lontano possibile entrando ai play off. E la prima cosa da trasmettere sicuramente è la mia passione per questo futsal. Dopo di che direi il coraggio e la determinazione di cui noi femmine abbiamo bisogno per emergere in questo sport che giorno per giorno lotta e cresce per la sua visibilità e per avere diritti alla pari del maschile. In più mi piace sottolineare che non si tratta di differenza di sesso, si tratta di lottare tutti nella stessa direzione fino ad arrivare ad un aumento di tesserati in Italia. M(aschi)e F(emmine), fino a vedere il futsal come sport olimpico. Insieme ce la possiamo fare, ma individualmente la vedo dura.

Il prossimo anno, anche alla luce di tutte queste tue belle attività, ti vedremo ancora in Lombardia?

Ho abbracciato dei progetti qui in Lombardia e sono davvero molto felice e grata della fiducia che ho ricevuto. Oltre al Gs Pero, Priscila de Oliveira creatrice di Joga Bonito Academy mi ha aperto le sue porte come collaboratrice per portare avanti lo sviluppo del programma della Academy per bambini, bambine, ragazzi e ragazze, adulti M e F che vorremmo far conoscere e portare in tutta l’Italia. Quindi perché no anche a Taranto? Ma un’altra volta parliamo di questo. Intanto grazie di Cuore per il tuo tempo e disponibilità, Gisberto. Un saluto grandissimo a tutto il sito tuttosporttaranto.com.

Commenti

Viale Liguria, Cataldino: «Stiamo controllando le sanzioni emesse»
Taranto: La situazione dei quattro infortunati