A.e.L. Grottaglie

Grottaglie: Juniores il massimo con il minimo sforzo

ufficio stampa Grottaglie

29.01.2018 13:26

Sul neutro di Montemesola, ieri mattina, la Juniores dell’Ars et Labor Grottaglie conquista tre punti contro i pari età del Don Bosco Manduria, risultato finale 3 a 0.

Cronaca

Primo tempo: Grottaglie disordinato e un Don Bosco più incisivo.

21° lancio lungo in area grottagliese, Mascia spizzica di testa per Mandorino che, solo davanti al portiere, mette alto sulla traversa;

22° leggerezza difensiva, strusi pressato da Mandorino ritarda il rinvio e favorisce l’intervento di Mascia che a la porta sguarnita si vede rimpallare il tiro da un reattivo Vozza;

30° cross dalla destra di Brescia e Mascia, dal centro dell’area, mette fuori;

43° lancio lungo in area ospite, indecisione difensiva tra Massimo e Di Lauro ne approfitta Masella che infila il portiere avversario con un pallonetto; Grottaglie 1 Don Bosco 0.

Secondo tempo: l’immediato raddoppio del Grottaglie ha ammorbidito la verve del Don Bosco. Con il trascorrere dei minuti i biancoazzurri diventano padroni del campo e conducono in porto la vittoria.

1° calcio d’angolo dalla sinistra, irrompe Masella al centro dell’area e devia in rete anticipando l’intera difesa avversaria: Grottaglie 2 Don Bosco 0;

18° Massafra M. batte una punizione al centro dalla destra, si inserisce Massimo, stacco di testa e palla di poco alta sulla traversa;

35° ripartenza del Grottaglie, scambio Darcante-Masella-Darcante sulla sinistra, palla al centro e Celini si fa deviare il tiro in angolo da un difensore;

35° sugli sviluppi del calcio d’angolo, Celini, poco contrastato, controlla al centro dell’area e mette in rete per il definitivo 3 a 0.

L’Ars et Labor Grottaglie si porta a casa l’intera posta con il minimo sforzo. Un primo tempo non giocato ai soliti livelli al quale è succeduta una seconda frazione di gara più concreta e meno fallosa. I biancoazzurri mantengono il passo delle altre, sono quinti in classifica a 5 punti dal secondo posto, Castellaneta, a 4 dal Lizzano, terzo, e ad una sola lunghezza dal Martina, quarto.

Tabellino

ARS ET LABOT GROTTAGLIE – DON BOSCO MANDURIA: 3 – 0

Formazioni

Ars et Labor Grottaglie: Strusi, Vozza, Suma, Lentini (Catapano), Alfieri, Basile G., Camassa (Castellano), Montanaro (Darcante), Masella, Mero (Celini), Massafra S. (Basile N.). A disp Cavallo, Ginnetta. All. De Filippi.

Don Bosco Manduria: Di lauro, Brescia, Latino, Massimo, D’Uggento (Urbano), Morleo (Carvignese), Mascia, Scarafile, Mandorino (El Ghaba), Massafra M. (Meshch), Piccinni (Spinelli). A disp. Palmitessa, Carvignese, Sileno. All. Damicis.

Marcatori: 43°pt e 1°st Masella, 35°st Celini.

Ammoniti: Mero (G), Masella (G).

Arbitro sig. Vito Andrea Lippolis della sezione di Brindisi

L’analisi di mister De Filippi a fine Partita: “Primo tempo assolutamente non buono da parte nostra, il Don Bosco ha avuto delle buone opportunità e noi invece abbiamo sfruttato una loro indecisione per portarci in vantaggio. Abbiamo la caratteristica di carburare tardi e quindi abbiamo concesso il primo tempo agli avversari. Nella ripresa siamo venuti fuori e abbiamo giocato come sappiamo. Il goal in apertura di secondo tempo ci ha sicuramente agevolato, i nostri avversari non hanno mai tirato in porta. Tre punti che ci fanno rimanere nella scia delle altre lasciando tutto invariato, noi continueremo a fare del nostro meglio per cercare di scalare posti in classifica.”

 

 

https://www.guidapsicologi.it/studio/drssa-daniela-anedda

Commenti

Giovanissimi Provinciali, battuta d'arresto per i Giovani Rossoblu
Diavoli Rossi, una domenica in chiaroscuro