1a Categoria

Prima Categoria: A Manduria riapre il Dimitri e si aspetta la capolista, le parole del DS Mimmo Ligorio

a cura di Fabrizio Izzo

20.10.2018 11:52

Immagine ZaccagniPer l’arrivo della capolista Real Galatone, a Manduria, si rispolvera opportunamente il Dimitri e c’è la naturale attesa riservata alle partite importanti senza nascondere qualche dubbio viste le due sconfitte iniziali. Noi di Tutto Sport abbiamo raggiunto telefonicamente il DS dei messapici Mimmo Ligorio per porgli delle domande e tastare il polso biancoverde:

D) Una falsa partenza inaspettata, come mai?

R) Credo che quando si costruisce una squadra da zero le difficoltà si raddoppino. Ambientamento, condizione, conoscenza del sistema di gioco sono alla base dell’essere pronti alla prima giornata. Poi io addito la dea bendata che ci ha voltato le spalle. Contro il Poggiardo, nella prima giornata, al termine del primo tempo, se avessimo capitalizzato le azioni create, avremmo preso il largo e segnato almeno tre reti, mentre contro il Capo di Leuca un paio di infortuni del nostro secondo portiere, chiamato a sostituire l’infortunato Termite, ci hanno penalizzato oltremodo e anche in quell’occasione, con un possesso palla nettamente a nostro favore, avremmo meritato ben altro.

D) Quanto è pesato al Manduria non poter usufruire del proprio impianto?

R) Non mi piace cercare alibi, credo però che abbiamo pagato a caro prezzo l’inadeguatezza degli impianti alternativi soprattutto dal punto di vista della prevenzione infortuni. Abbiamo avuto assenze importanti, dovuti ad acciacchi vari, nelle prime giornate questo ha influito sulla quadra della squadra. Da domenica ritroviamo il nostro impianto senza però averlo testato bene, speriamo non si riveli controproducente, il Dimitri può essere la nostra arma in più sul proseguo del campionato.

D) Due vittorie consecutive, una boccata di ossigeno o avete ingranato la marcia?

R) Vedo la squadra sempre più affiatata e in crescita. Contro il Campi, a parte qualche sbavatura risolvibile, la gara mi è piaciuta. Ho visto i ragazzi determinati e vogliosi di conquistare i tre punti contro un avversario che sinceramente mi ha fatto una buona impressione. Sono fiducioso e credo che la nostra condizione sia in netto miglioramento ma le partite vanno giocate domenica dopo domenica, una settimana non è come l’altra e ad incidere ci sono tanti fattori.

D) Domenica arriva la capolista Real Galatone che sorpresa avete preparato per gli avversari e cosa si sente di dire al pubblico che ritrova il Dimitri?

R) Non abbiamo preparato assolutamente nessuna sorpresa per i nostro avversari, affronteremo il Galatone facendo leva sulle nostre sole forze e penso che la squadra arrivi alla gara di domenica in un buono stato di forma psico-fisico. E’ stata una settimana positiva sotto diversi aspetti, e poi domenica potremo riabbracciare i tifosi nel nostro stadio. Il mio augurio è che gli sforzi profusi fin’oggi vengano apprezzati dal pubblico biancoverde e che domenica la gente venga a vederci e a sostenerci. I tifosi sono una componente importantissima nell’economia della stagione e devo solo ringraziarli per il continuo sostegno che ci hanno dato anche lontano, anzi lontanissimo, dalle mura amiche. La squadra e’ di ottimo livello e merita attenzione, il pubblico manduriano ha il palato fino e apprezzerà il lavoro dei ragazzi, sono convinto che ci verrà a sostenere in gran numero.

R) Oggi prende il via anche il campionato Juniores, quali aspettative ci sono?

R) Innanzi tutto faccio un in bocca al lupo a tutto lo staff della Juniores e ai ragazzi che oggi giocheranno contro il Talsano alle 15:30. E’ l’anno zero anche per la nostra juniores sapientemente e magistralmente selezionata da mister Giuseppe De Bartolo, profondo conoscitore del calcio giovanile locale, con la collaborazione di Salvatore Pecoraro. Anche questa rosa è completamente nuova ed è stata assemblata in breve tempo essendo partiti notevolmente in ritardo. Il nostro intento è quello di formare quanti più ragazzi possibile con la prospettiva di lanciare giovani under in prima squadra, puntando decisamente sulla prossima stagione. Auspico si possa partire, a breve tempo, con un programma relativo al settore giovanile oculato e di livello, le intenzioni sono quelle di migliorare e incrementare la collaborazione con l’Atletico Manduria, che reputo una società sapiente, e con il quale abbiamo comunione di intenti. Il nostro principale obiettivo sarà quello di farci conoscere in tutte le realtà locali, favorendo di gran lunga le società che rispettano i canoni federali o quanto meno che siano riconosciute in federazione e che sposino i principi di etica che stiamo cercando di diffondere sul territorio. Diciamo che l’UG Manduria Sport potrebbe diventare nel giro di qualche anno un polo da imitare anche a livello giovanile.

Commenti

Basket - C Gold: le due facce del derby ionico
Savoia - Taranto, i convocati di mister Panarelli