Taranto F.c. News

Pino Ferazzoli: 'Il Taranto? Rosa costruita non al meglio'

L'ex calciatore rossoblù a Tutto Sport Taranto: 'Con il Taranto indimenticabile lo spareggio di Ascoli Piceno'

27.05.2020 18:23

DI ALESSIO PETRALLA

A commentare i verdetti e la stagione di serie D/H appena terminata, a Tutto Sport Taranto, è l’ex calciatore del Taranto ed ex tecnico dell’Agropoli Pino Ferazzoli: “Per quanto riguarda le promozioni potrei essere d’accordo così come per la retrocessione delle ultime due formazioni. Per il resto sarebbe un’ingiustizia perché le varie squadre potevano giocarsi la permanenza nelle ultime giornate”.

IL PERIODO: “Ero andato via da Agropoli ad ottobre e quindi ero già senza calcio da un po’. Sicuramente, mi manca tanto però questo virus ha creato problemi e quindi bisognerà riprendere nella massima sicurezza sia per i calciatori che per gli addetti ai lavori che per i tifosi. Nei campionati di categoria superiore ci sono società che possono attrezzarsi di ogni cosa…”.

SERIE D/H: “Il Bitonto ha meritato sul campo di vincere il campionato anche perché è stato praticamente sempre in vetta: per la sua continuità è giusto che salga. Nel girone c’erano tante squadre che hanno effettuato investimenti importanti come Foggia, Taranto, Cerignola e Casarano ma tra queste la vera rivelazione è stata il Sorrento: i rossoneri sono stati capaci di espugnare lo “Iacovone” e lo “Zaccheria”. Buona squadra, allenata bene da Maiuri che poteva ambire a qualcosa d’importante. Sotto, l’Agropoli, praticamente non ha mai partecipato visto che non aveva una struttura societaria. E’ giusto che retroceda. Il Nardò e le altre potevano giocarsela”.

IL TARANTO: “E’ stato la grossa delusione del campionato: il Presidente Giove ha speso tanti soldi prendendo, tra l’altro, un tecnico importante. C’erano, però, troppi calciatori di spessore che, visto il numero degli under da schierare, potevano essere un problema. Diciamo che la rosa è stata costruita non proprio bene. Taranto è una piazza dalle grandissime aspettative ma fin quando non si individueranno i giocatori giusti sarà dura tenendo conto che ogni avversaria al cospetto degli ionici giocano con motivazioni particolari”.

ESTATE CALDA: “Sarà un’estate molto calda in tutti i sensi visto che chi è stato retrocesso non si arrenderà: prevedo tanti ricorsi per salvare la categoria. Poi, a seconda delle categorie le società sceglieranno i calciatori e gli allenatori. Il grosso problema sarà rappresentato dall’inattività dei giocatori che riprenderanno ad allenarsi, seriamente, a luglio o addirittura ad agosto. Gli staff avranno un bel da fare”.

ALLENATORE: “Da ex calciatore del Taranto mi piacerebbe, un giorno, allenare i rossoblù. Ho accumulato esperienza e conosco la piazza”.

AMARCORD: “Uno dei ricordi più belli vissuti con la maglia del Taranto è sicuramente quello dello spareggio di Ascoli Piceno con la Casertana in cui fui protagonista dell’assist a Fresta. Fu un anno sofferto in cui veleggiammo sempre nei bassi fondi della classifica con un finale fantastico. Sia noi che la Casertana avevamo delle rose importanti. Fu uno spareggio di altissimo livello con tantissima gente sugli spalti giunta sia da Taranto che da Caserta”.

FOTO CAROL VIOLANTE

Si ringraziano:

 

 

Commenti

Massafra: Juniores, Gallone 'Grazie alla bravura di Cristofaro mi sono ricavato spazio'
Serie A: Sospetto caso di positività al Coronavirus e il Bologna stoppa gli allenamenti