Taranto F.c. News

Taranto. L’addio di Longo: “E’ stata una mia scelta, il club ha cercato di trattenermi”

"Non stavo più bene qui per questo avevo l'esigenza di cambiare aria" afferma il centrocampista dopo la rescissione del contratto

21.09.2021 19:24


A cura di Enrico Losito

Il classico “fulmine a ciel sereno” in casa Taranto con la rescissione del centrocampista Lorenzo Longo, non l’unica registrata nella giornata di martedì: insieme all’ex Lavello saluta anche l’esterno Giuseppe Faiello già da qualche settimana in odore di rescissione. Queste le prime parole di Longo da ex rossoblu ai microfoni di Tutto Sport Taranto e Tutto Sport Puglia: “E’ stata una mia scelta maturata nell’ultimo periodo ringrazio mister Laterza, il diesse Montervino e la Società che hanno rispettato la mia decisione. Non me ne voglia la Città, l’ambiente e i tifosi ma a Taranto purtroppo non stavo più bene per questo avevo l’esigenza di cambiare aria”. Il calciatore non fornisce ulteriori particolari relativamente al suo malessere in riva allo Jonio e in merito alla sua prossima destinazione afferma: “Lo scoprirete nei prossimi giorni dovrò prendere una decisione però qualcosa c’è già”. Dietro l’angolo sarebbe pronta l’offerta dell’ambizione Audace Cerignola pronta a riabbracciare il calciatore dopo il biennio 2018-20 trascorso nella cittadina foggiana. Sulla sua ormai ex squadra Longo non ha dubbi: “Lascio un team composto da veri uomini, un gruppo fantastico composto da bravissimi ragazzi. Credo che la salvezza sia alla portata del Taranto ma le potenzialità dell’organico e il grande lavoro di mister Laterza, uno dei migliori tecnici che ho avuto in carriera, potrebbero permettere di raggiungere altri obiettivi”. Il calice è amaro proprio perché Taranto non ha conosciuto il vero Longo: i problemi al ginocchio e qualche difficoltà di ambientamento non hanno permesso al calciatore di mostrare le sue indiscutibili qualità tecniche: “Resta il rammarico di non essere riuscito ad esprimermi al meglio, le prime due partite nelle quali sono sceso in campo avevo una condizione fisica inferiore al 50% però mi sono sacrificato per dare una mano alla squadra giocando anche in ruoli inusuali per me perché non eravamo al completo. Certamente a Taranto non si è visto il vero Longo e mi dispiace per le critiche che ho subito da qualche tifoso che mi ha giudicato per le due partite disputate purtroppo il calcio è anche questo”. Nella chiosa finale il calciatore precisa: “Spero che nessuno attacchi il Club perché sono andato via sottolineo ancora una volta che è stata una mia scelta anzi la Società ha cercato in tutti i modi di trattenermi”

Commenti

Taranto: Le condizioni di Diaby e Versienti
“Ecosistema Taranto” alla Biennale di Venezia