Taranto F.c. News

Lavello, il ds Roma: 'Onoreremo il campionato senza fare favori a nessuno. Pensiamo a noi'

09.06.2021 16:09

DI ALESSIO PETRALLA

Si entra nel vivo di una settimana infuocata che porterà ad una domenica "proibita" ai deboli di cuore visto che Taranto e Picerno si giocheranno la promozione in serie C in questi 90' rispettivamente a Lavello e in casa con il Gravina. Gli ionici sono padroni del proprio destino e si giocheranno tutto sul difficile campo neutro di Venosa al cospetto del Lavello: una gara importantissima che il ds dei gialloverdi Domenico Roma presenta così a Tutto Sport Taranto: "Per domenica abbiamo Liurni squalificato e qualche altro atleta acciaccato che sta girando a parte. El Ouazni è stato sottoposto a terapia ed è da valutare".

LA GARA: "Il nostro è un gruppo molto sano e ogni gara l'affrontiamo allo stesso modo. Onoreremo il campionato senza fare favori a nessuno: pensiamo soltanto a noi. Siamo una società con una grande etica morale e guardiamo in casa nostra".

LA CLASSIFICA: "Si è sempre saputo che il Taranto è una squadra fortissima: come noi, anche loro, devono farsi un mea culpa per aver perso qualche punto per strada. Potevano già aver vinto il campionato...".

IL TARANTO: "E' una formazione cinica con la difesa che è il punto di forza. Compagine equilibrata".

STATISTICHE: "Ultimamente il Lavello, fatta eccezione della gara di Andria, sta facendo della solidità difensiva un punto di forza. Di contro il Taranto sta segnando parecchio. Ogni partita ha una storia a se".

PORTE APERTE: "Purtroppo non potranno essere tutti presenti visti i soli 302 tagliandi a disposizione".

ULTIMO TURNO: "Spero che possa esserci sportività ovunque. Potremmo conquistare i play off anche senza una vittoria. Qualcuno dice che gli spareggi non servono a nulla ma per noi sono importanti".

Si ringraziano:

Commenti

Anche nei Giardini Virgilio fioriranno i “sakura”, Melucci: «Ogni albero che piantiamo è un atto d’amore per Taranto»
Melucci: «Nuovo stadio comunale, si parte. I cittadini diranno la loro»