3a Categoria

L’Audace Fragagnano continua la sua marcia inarrestabile

27.06.2021 18:54


In foto da sinistra: Lonoce G. (Vicepresidente), Lonoce F. (collaboratore), Braccio S. (Fondatore, dirigente), Ligorio A. (collaboratrice), Ditaranto R. (Presidente), D'Elia I. (dirigente, collaboratore), Medolla E. (dirigente, collaboratore)Finalmente Fragagnano torna a conseguire un titolo FIGC dopo tanti anni di stallo dove nessun fragagnanese ha osato alzare l’asticella e provare a mettersi in gioco a livello federale. 
Grazie ad Ivan D’Elia e Salvatore Braccio, da oggi l’ Audace Fragagnano può contare ufficialmente su altri due dirigenti riconosciuti per l’attività di base, titolo conseguito a soli nove mesi dal neo sodalizio biancoverde e che lascia ben sperare per il proseguo del progetto. 
Sentiamo ora le dichiarazioni dei due protagonisti. 

Ivan D’ Elia: “ Sono molto contento per il  titolo appena acquisito, esperienza fantastica. È stato un corso che mi ha insegnato tanto. Portare tutto quello che ho studiato in campo è una cosa meravigliosa, penso che nel calcio come nella vita, ci sia sempre da imparare in ogni momento. Dopo la teoria, seguire i ragazzi sul campo ti porta a crescere ancora di più e confrontarsi con persone valide e qualificate mi ha permesso di aumentare il mio livello di conoscenza nel mondo del calcio. Dopo questo titolo è aumentata ancor di più la voglia di seguire i ragazzi e gioire con loro per ogni piccolo traguardo raggiunto con grande sacrificio, passo dopo passo. Infine concludo dicendo che per me il calcio è uno sport meraviglioso, può insegnare tanto nella vita e sicuramente aiuta i ragazzi a crescere divertendosi seguendo dei sani principi.”

Salvatore Braccio: “ L’ attestato che in questi giorni è arrivato in casa mia ha semplicemente coronato il mio sogno. Un titolo che mi porta ufficialmente a far parte della grande famiglia F.I.G.C. ad entrare finalmente nel calcio che conta sia a livello dilettantistico che giovanile-scolastico. Era ormai da tempo che collaboravo sul campo e passavo ore e ore insieme ai ragazzi, ora la mia vocazione diventa realtà. Durante il covid, come già ripetuto mi son dedicato a frequentare corsi e a crescere come dirigente in maniera tale da far crescere il mio bagaglio sportivo, culturale, sociale ma soprattutto tecnico che giorno dopo giorno metto a disposizione dei miei ragazzi per farli crescere in questo percorso di vita sociale e sportiva. Vorrei ringraziare l’ Audace Fragagnano e tutti coloro che hanno fatto sì che il mio sogno si avverasse, grazie per avermi concesso questa opportunità, siamo solo all’inizio. Farò in modo che il mio curriculum, così come quello della stessa Audace, non si fermi qui, siamo già al lavoro per il prossimo step.”

Commenti

Taranto. Mercato: l’”affaire” portiere e la bella gioventù
Sposito saluta: 'Taranto mi ha dato tanto'