Lega Pro

Serie C/C: Catania, Baldini "A Campobasso servirà il carattere mostrato nel corso delle ultime gare"

06.11.2021 00:25



Mister Baldini si sofferma sui temi principali relativi alla gara in programma domani in Molise: “Il Campobasso è allenato da un mio ex compagno di squadra, Cudini: lo conosco bene, ha un'identità tattica ben precisa. Abbiamo studiato bene il prossimo avversario: è una neopromossa che corre tanto, pressa ed è propositiva. Non ha fatto bene nel primo tempo dell'ultima partita, a Messina, subendo due gol, ma nella ripresa la prestazione è stata ottima e forse meritava il pareggio, quindi c'è da stare molto attenti e concentrati. Sono ancora indisponibili Frisenna, Piccolo e Pinto, gli altri sono tutti abili e arruolati, vedremo chi mandare in campo: abbiamo tre impegni in una settimana e abbiamo bisogno di ragionare su tutti gli aspetti anche se penseremo ad una gara per volta. A me piace giocare sempre e quindi aver saltato la gara di domenica scorsa non è stata una cosa positiva ma era inevitabile e non potevamo fare diversamente. Sicuramente la sosta forzata ci ha dato la possibilità di poter lavorare sulla condizione di alcuni giocatori, ad esempio Claiton che era appena rientrato giocando da titolare dopo un lungo stop e Ropolo che ha recuperato dopo l'infortunio. Abbiamo lavorato bene per preparare questa partita. Non è sicuramente questo il momento per parlare delle scadenze e della messa in mora: c'è da parlare di campo, questa squadra ha già dimostrato di sapersi isolare e di sapere scindere le due cose, quelle che riguardano la partite e le altre. Anche nella settimana della messa in mora, del resto, la squadra ha fatto una buona gara, vincendo in trasferta e dimostrando che sotto l'aspetto mentale non mollerà: ne sono convinto, vedo tutti i giorni i ragazzi che sono ben consapevoli di quello che devono fare in partita, così come dimostrano in ogni allenamento. Hanno voglia di campo, di allenarsi e di giocare le partite, non hanno voglia di discorsi: questa è la nostra garanzia. L'avversario non è semplice, ripeto: è dinamico e ti attacca alto, non ci sono molte squadre che giocano così in questo girone, occorre la massima concentrazione; concedono qualcosa, è logico, dovremo essere bravi a sfruttare le occasioni. L'abbondanza di scelte? Ai ragazzi oggi ho detto che mi stanno mettendo veramente in difficoltà, pensiamo alle coppie per ruolo, stanno bene entrambi gli interpreti: Maldonado e Cataldi, Rosaia e Provenzano, Sipos e Moro in tutti gli allenamenti si contendono il posto, anche Izco ed Ercolani tra gli altri stanno veramente molto bene, degli esterni sappiamo già. Questo va a nostro vantaggio, anche considerando le tre gare in sette giorni. Le iniziative a sostegno della città? Sono state molte, belle e significative: penso agli striscioni in tutti gli stadi, anche all'estero abbiamo visto quello del Borussia Dortmund, e poi a quella più particolare, il "legame" con Palermo, davvero molto importante. Si tornerà ad essere competitivi in campo ma quella solidarietà è stata molto bella e mi piace dirlo. A Catania si vuol bene, c'è poco da fare: lo hanno dimostrato in tantissimi e possiamo soltanto ringraziare. Sipos? Logicamente l'esplosione di Moro ha dato la titolarità a Luca ma Leon non ha mollato di un centimetro, continua a lavorare come prima e tra i due c'è un bel rapporto di amicizia. Possono giocare insieme, potremmo vederli anche presto entrambi in campo. Sipos oggi si allena benissimo, non è titolare non per suoi demeriti ma perché Moro è in grande condizione. Al Catania chiedo di dare quello che ha messo nelle ultime partite, qualcosa di veramente importante, abbiamo lavorato tanto sotto l'aspetto tecnico e tattico ma in questa categoria serve il carattere delle ultime gare ed è quello che voglio”.

Commenti

Melucci: «Taranto firmerà il Green City Accord della Commissione Europea, acceleriamo sulla transizione ecologica»
prova